Studio Brancaleone




SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

SERVIZI LEGALI
servizi legali
Assistenza giudiziale in materia ambientale
CONSULENZA NORMATIVA
consulenza normativa
Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, audit di conformità
CONSULENZA CERTIFICAZIONI
certificazione ambientalecertificazione qualitàcertificazione sicurezza
Assistenza e consulenza su sistemi di gestione e certificazioni di prodotto
FORMAZIONE 
formazione
Corsi per aziende e Enti pubblici
FINANZIAMENTI
finanziamenti
Ricerca finanziamenti, assistenza progetti  
SERVIZI ON-LINE
servizi on-line
Pareri giuridici on-line servizio di aggiornamento normativo



 
ARCHIVIO NEWS
 



Archivio News Giurisprudenza 2009

La Corte Costituzionale ha dichiarato l'illegittimità costituzionale dell'art. 49 c. 1 della L.R Lombardia n. 26/2003 (Disciplina dei servizi locali di interesse economico generale. Norme in materia di gestione dei rifiuti, di energia, di utilizzo del sottosuolo e di risorse idriche), come sostituito dall'art. 4, c. 1, lett. p), della L.R. Lombardia 18 agosto 2006, n. 18, in quanto "ponendo il principio della separazione delle gestioni, violava specificamente la competenza statale in materia di funzioni fondamentali dei comuni, laddove, in contrasto con la disciplina statale, consentiva ed anzi imponeva una separazione non coordinata tra la gestione della rete e l'erogazione del servizio idrico integrato".

La Corte di Giustizia dell'Unione Europea con sentenza del 15 ottobre 2009 (causa C-263/08) ha dichiarato incompatibili con il diritto comunitario le norme nazionali che limitano l’accesso alla giustizia alle sole associazioni ambientali con un numero minimo di 2mila soci...>>

La Corte costituzionale, con la sentenza n. 238/2009, ha posto fine alla questione concernente l'inquadramento giuridico della Tia (Tariffa di igiene ambientale), introdotta nel 1997 dal "decreto Ronchi" (articolo 49 del DLgs 22/1997), concludendo per la sua natura tributaria...>>

La Corte Costituzionale, con due sentenze (n. 247 e 249 del 2009), ha dichiarato incostituzionale il potere sostitutivo di Stato e Regioni in materia di gestione dei rifiuti, e il mancato coinvolgimento delle Regioni nell’adozione dei decreti ministeriali su aree agricole e incentivi per la ricerca...>>

«Direttiva 85/337/CEE – Valutazione dell’impatto ambientale di determinati progetti – Obbligo di rendere pubblica la motivazione di una decisione di non sottoporre un progetto ad una valutazione»  

Sentenza 14 gennaio 2009, n. 10 (Udienza Pubblica del 16/12/2008)

Legge Regionale Puglia 31/10/2007, n. 29, art. 3, c. 1

La Corte Costituzionale ha dichiarato "l'illegittimità costituzionale dell'art. 3, comma 1, della legge della Regione Puglia 31 ottobre 2007, n. 29 (Disciplina per lo smaltimento dei rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi, prodotti al di fuori della Regione Puglia, che transitano nel territorio regionale e sono destinati a impianti di smaltimento siti nella Regione Puglia), nonché delle restanti disposizioni della medesima legge regionale".

 
 

 

 

 

 


Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it