Studio Brancaleone




SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

SERVIZI LEGALI
servizi legali
Assistenza giudiziale in materia ambientale
CONSULENZA NORMATIVA
consulenza normativa
Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, audit di conformità
CONSULENZA CERTIFICAZIONI
consulenza ambientaleconsulenza qualitàconsulenza sicurezza
Assistenza e consulenza su sistemi di gestione e certificazioni di prodotto
FORMAZIONE 
formazione
Corsi per aziende e Enti pubblici
FINANZIAMENTI
assistenza finanziamenti
Ricerca finanziamenti, assistenza e realizzazione progetti  
SERVIZI ON-LINE
servizi on-line
Pareri giuridici on-line servizio di aggiornamento normativo



 
ARCHIVIO NEWS
 
AREA NORMATIVA
 
 


News / Dalle Regioni / Emilia-Romagna

 
14-11-2008 Regione Emilia-Romagna – Rallenta la produzione di rifiuti, aumenta la raccolta differenziata
 

Rallenta nel 2007 la produzione di rifiuti in Emilia-Romagna, mentre la raccolta differenziata sfiora la quota del 40% prevista dalla normativa nazionale e diminuiscono i rifiuti destinati alla discarica.

È quanto emerge dal Rapporto sulla gestione dei rifiuti in Emilia-Romagna presentato dalla Regione e da ARPA ad Ecomondo, la fiera internazionale del recupero di materia ed energia e dello sviluppo sostenibile, tenutasi a Rimini dal 5 all’8 novembre 2008.

Dal rapporto risulta che con il miglioramento della raccolta differenziata, aumentano in Emilia-Romagna i rifiuti da avviare al recupero e al riciclaggio, e simmetricamente scendono quelli non recuperabili.

Nel 2007, la raccolta differenziata ha interessato in Emilia-Romagna 1.167.635 tonnellate di rifiuti, con un aumento del 3,5% rispetto all´anno precedente, raggiungendo il 39,8% del totale. Di fatto viene raggiunto l’obiettivo del 40% di raccolta differenziata previsto dalle leggi nazionali. Le province più virtuose sono state Reggio Emilia con il 48,7%; a seguire Parma, 45,2% e Ravenna, 43,7%.

Complessivamente nel 2007 sono state raccolte separatamente 275.773 tonnellate dei cosiddetti “rifiuti da imballaggi” provenienti dalla raccolta differenziata: cartone, plastica, vetro ecc... Essi sono stati conferiti ai cosiddetti “consorzi di filiera”, uno per ogni tipo di materiale, che provvedono all’avvio di questo materiale al riciclaggio nell’ambito dell’accordo tra ANCI (Associazione nazionale dei Comuni d´Italia) e CONAI, Consorzio nazionale imballaggi.

Meritano una citazione anche i RAEE, i rifiuti elettrici ed elettronici. Recentemente sono entrate in vigore le norme che obbligano alla raccolta differenziata, al corretto smaltimento e riciclaggio, dato che questi apparecchi contengono, sebbene in quantità modeste, sostanze pericolose come piombo e cromo esavalente. Grazie alla capillare diffusione delle piazzole ecologiche, l’Emilia-Romagna nel 2007 ha raccolto 13.158 tonnellate di RAEE, circa tre chili per ogni abitante, contro i due chili e mezzo dell’anno precedente.

 

 

Documenti di approfondimento

 

Sito internet: Regione Emilia Romagna



Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it


documenti
Servizio di
documentazione
normativa

I documenti contrassegnati con sono riservati e a pagamento. Per informazioni sull'acquisto vedi la pagina delle condizioni