Studio Brancaleone




SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

SERVIZI LEGALI
servizi legali
Assistenza giudiziale in materia ambientale
CONSULENZA NORMATIVA
consulenza normativa
Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, audit di conformità
CONSULENZA CERTIFICAZIONI
consulenza ambientaleconsulenza qualitàconsulenza sicurezza
Assistenza e consulenza su sistemi di gestione e certificazioni di prodotto
FORMAZIONE 
formazione
Corsi per aziende e Enti pubblici
FINANZIAMENTI
assistenza finanziamenti
Ricerca finanziamenti, assistenza e realizzazione progetti  
SERVIZI ON-LINE
servizi on-line
Pareri giuridici on-line servizio di aggiornamento normativo



 
ARCHIVIO NEWS
 
AREA NORMATIVA
 
 

News / Dalle Regioni / Sicilia

21-05-2010

Regione Sicilia - Rifiuti - Nuova disciplina sulla gestione dei rifiuti

La Regione Sicilia, con la legge n. 9 dell'8 aprile 2010 ha emanato una nuova disciplina sulla gestione integrata dei rifiuti e la messa in sicurezza, la bonifica, il ripristino ambientale dei siti inquinati.

La legge intende:

  1.  prevenire la produzione di rifiuti e ridurne la pericolosità;

  2. promuovere la progettazione di prodotti ed imballaggi tali da ridurre all'origine la produzione di rifiuti;

  3. promuovere l'informazione e la partecipazione dei cittadini;

  4. promuovere il riutilizzo, il riciclaggio ed il recupero dei rifiuti urbani e speciali;

  5. promuovere la raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani e di quelli assimilati agli urbani;

  6. incrementare l'implementazione di tecnologie impiantistiche a basso impatto ambientale;

  7. ridurre la movimentazione dei rifiuti attraverso l'ottimizzazione dello smaltimento in impianti prossimi al luogo di produzione;

  8. favorire la riduzione dello smaltimento in discarica;

  9. riconoscere il ruolo dei comuni quali responsabili del servizio erogato ai propri cittadini;

  10. valorizzare la partecipazione dei cittadini;

  11. rendere compatibile l'equilibrio economico del servizio di gestione integrata dei rifiuti con le risorse pubbliche disponibili e con le entrate derivabili dalla riscossione della TARSU o della TIA.

Il provvedimento suddivide le competenze in materia tra la Regione, Province e Comuni, mentre per l’esercizio delle funzioni di gestione integrata dei rifiuti, per ogni ATO, è prevista la costituzione di una società consortile di capitali denominata "Società per la regolamentazione del servizio di gestione rifiuti" (S.R.R.).

Alla S.R.R. partecipano la provincia ed i comuni ricompresi in ciascun ambito territoriale ottimale.


 



Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it