Studio Brancaleone




SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

SERVIZI LEGALI
servizi legali
Assistenza giudiziale in materia ambientale
CONSULENZA NORMATIVA
consulenza normativa
Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, audit di conformità
CONSULENZA CERTIFICAZIONI
consulenza ambientaleconsulenza qualitàconsulenza sicurezza
Assistenza e consulenza su sistemi di gestione e certificazioni di prodotto
FORMAZIONE 
formazione
Corsi per aziende e Enti pubblici
FINANZIAMENTI
assistenza finanziamenti
Ricerca finanziamenti, assistenza e realizzazione progetti  
SERVIZI ON-LINE
servizi on-line
Pareri giuridici on-line servizio di aggiornamento normativo



 
ARCHIVIO NEWS
 
AREA NORMATIVA
 
 

News / Dalle Regioni / Emilia-Romagna

25-11-2011

Regione Emilia-Romagna - Rifiuti - La differenziata va a buon fine

Nell'ambito della fiera Ecomondo di Rimini è stato presentato uno studio che traccia la mappa del ciclo dei rifiuti in Emilia-Romagna, dalla raccolta differenziata al loro recupero. 

Grazie al riciclo, con 800 lattine si fa un telaio di bicicletta e con tre scatole da scarpe si può produrre una nuova cartelletta di cartoncino. E ancora: con 20 bottiglie di plastica una nuova coperta, con 287 barattoli in acciaio una nuovo carrello per la spesa, con 4 pallet una scrivania, con 10 chilogrammi di umido e verde si produce compost per fertilizzare un metro quadrato di giardino.

Questa la mappa (dalla raccolta al riutilizzo) sulla reimmissione dei rifiuti riciclati contenuta nell’indagine “Chi li ha visti? Ciò che differenzi oggi avrà una nuova vita domani” che è stata presentata dall’assessore regionale all’Ambiente Sabrina Freda a Rimini ad Ecomondo (Fiera internazionale del Recupero di materia ed energia e dello Sviluppo sostenibile), nell’ambito di una tavola rotonda alla quale hanno partecipato l’Arpa, il Conai e i consorzi di Filiera e l’onorevole Alessandro Bratti della Commissione ambiente e rifiuti della Camera.

La Regione Emilia-Romagna ha realizzato, con la collaborazione di Arpa (Agenzia regionale prevenzione e ambiente), uno studio per ricostruire il percorso che compiono i rifiuti dalla raccolta differenziata fino agli impianti di riciclo e recupero. In questo modo la Regione, con il sostegno di Conai (Consorzio nazionale imballaggi), garantisce l’intero ciclo che permette di dare una seconda vita ai rifiuti e, soprattutto, di ridurre il prelievo di nuove materie prime dall’ambiente.

I risultati dello studio

Lo studio - attraverso i flussi gestionali di carta, plastica, vetro, metalli e alluminio, legno, organico e verde - mette in evidenza che la quasi totalità del rifiuto raccolto in modo differenziato viene effettivamente avviato a recupero.

Per quanto riguarda la raccolta differenziata della carta, in un anno (l’indagine riguarda il 2009) in Emilia-Romagna ne sono state raccolte 295.903 tonnellate (68 kg a testa per ogni cittadino): il 99% di questo materiale viene reimmesso nel ciclo produttivo.

Per la plastica il materiale raccolto è 81.660 tonnellate (19 Kg a testa) e il 76% viene reimmesso nel ciclo produttivo. Il 97% dell’acciaio e dell’alluminio (28.182 tonnellate raccolte, 6,4 kg a persona) torna nel ciclo produttivo. Rientra in circolo produttivo il 91% della raccolta di vetro (138.627 tonnellate raccolte, pari a 32 kg a persona), il 98 % del legno (114.023 tonnellate raccolte, 26 kg a persona), il 95% dell’umido (181 803 tonnellate raccolte, 42 kg a testa) e il 98 % del verde raccolto (315.483 tonnellate raccolte, 72 kg a persona).

In Emilia-Romagna gli impianti di recupero della carta sono 17 come quelli per il legno, mentre sono 15 quelli della plastica, 12 quelli dell’acciaio e alluminio, 11 quelli del vetro, 16 quelli dell’umido e 19 quelli del verde.


Fonte: Regione Emilia-Romagna

◊ Vai alla Sezione Consulenza Area Normativa …>>

◊ Vai alla Sezione Consulenza Area Certificazioni …>>

 



Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it