Studio Brancaleone




SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

servizi legali Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

consulenza certificazioni Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

consulenza normativa Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

consulenza certificazioni Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Dalle Regioni / Lazio

23-02-2012

Regione Lazio - Nuove procedure in materia di prevenzione del rischio sismico.

La regione Lazio, con regolamento n. 2 del 7 febbraio 2012, ha approvato nuove procedure per l’esercizio delle funzioni regionali in materia di prevenzione del rischio sismico.

Il regolamento disciplina i criteri e le modalità per la presentazione dei progetti di costruzione in zone sismiche, per la denuncia di inizio dei lavori, per l'autorizzazione da parte della competente struttura tecnica regionale, nonché per l'adeguamento delle costruzioni esistenti alla nuova classificazione sismica e per l'espletamento dei controlli.

In un'ottica di semplificazione, è prevista l'istituzione di un sistema informatizzato S.I.T.A.S. (Sistema informatico per la Trasparenza delle Autorizzazioni Sismiche), che a regime diventerà lo strumento da utilizzare per la trasmissione telematica della documentazione.

Il regolamento si applica ai progetti presentati dopo il 29 febbraio 2012 (entrata in vigore dello stesso), mentre per quelli presentati precedentemente continua ad applicarsi la normativa precedente sulle autorizzazioni sismiche.

Le domande di autorizzazione sismica sono sottoposte a controlli a campione mediante un sorteggio, tranne alcuni progetti che ne sono esclusi, quali ad es. quelli adibiti a civile abitazione con fondazioni di tipo superficiale, pensiline e coperture di scale esterne, impianti fotovoltaici sulla copertura, a condizione però che soddisfino determinate condizioni.

Non sono invece soggetti ad autorizzazione sismica diversi interventi, quali ad es.  le opere temporanee, gli interventi limitati sui tramezzi o sulle tamponature, il rifacimento dei pavimenti, arredi interni, sostituzione degli abbaini, le serre e le piccole costruzioni con superfici massime di 10 metri quadri e altezze fino a 3 metri, strutture temporanee per manifestazioni di pubblico spettacolo, impianti di illuminazione pubblica e privata.

L'accertamento di violazioni delle norme antisismiche comporta la sospensione dei lavori e l'avvio del procedimento penale, ai sensi del DPR 380/2001, dal cui esito dipende il rilascio del provvedimento in sanatoria (adeguamento dell'opera alla normativa antisismica).


 

 

 



Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it