Studio Brancaleone




SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

servizi legali Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

consulenza certificazioni Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

consulenza normativa Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

consulenza certificazioni Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



  • Cassazione Civile: Acque - Pagamento canone - condizioni

Sez. V, 16-09-2004, n. 18699 - Pres. Paolini G - Rel. D'Alonzo M - P.M. Sepe EA (Diff.) - Colorificio Rossetti Srl c. Com. Finale Emilia  RV577150


Massima (Fonte CED Cassazione)


IGIENE E SANITÀ PUBBLICA - SANITÀ DELL'AMBIENTE - IGIENE DEL SUOLO E DELL'ABITATO - SCARICHI INDUSTRIALI - Acque di rifiuto di insediamenti industriali - Canoni per i servizi di raccolta, allontanamento, depurazione e scarico - Natura - Entrata tributaria - Pagamento - Obbligo - Sussistenza - Condizioni - Ratio - Fruizione del servizio - Impossibilità materiale - Pagamento - Obbligo - Insussistenza.

Il canone per i servizi di raccolta, allontanamento, depurazione e scarico delle acque di rifiuto di insediamenti industriali, di cui agli artt. 16 e seguenti della legge 10 maggio 1976, n. 319, modificata dall'art. 3 del D.L. 28 febbraio 1981, n. 38, convertito nella legge 23 aprile 1981, n. 38, integra, anteriormente all'entrata in vigore dell'art. 31, comma ventottesimo, della legge 23 dicembre 1998, n. 448, che ne ha dato una diversa qualificazione, un tributo comunale. Da tale natura di entrata tributaria discende l'obbligatorietà del relativo pagamento, per effetto della sola istituzione del servizio e dell'allaccio alla rete fognaria pubblica, a prescindere dalla sua effettiva utilizzazione, trattandosi di un servizio pubblico irrinunciabile, che gli enti gestori sono tenuti ad istituire per legge, ed alla cui gestione i potenziali utenti sono chiamati a contribuire mediante il versamento di un canone, ancor quando non ne abbiano usufruito in concreto, affidandosi a terzi per lo smaltimento delle acque reflue. Tuttavia, ove il servizio di depurazione non possa ritenersi giuridicamente istituito in quanto ne sia risultata accertata l'impossibilità materiale di fruizione per la limitazione della prestazione solo ad una parte del territorio comunale, viene meno lo stesso presupposto legale del potere impositivo dell'ente locale, non essendo imputabile al contribuente la mancata fruizione del servizio stesso.



Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it