Studio Brancaleone




SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

servizi legali Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

consulenza certificazioni Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

consulenza normativa Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

consulenza certificazioni Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Giurisprudenza / Acque

30-01-2010

Acque - Corte Costituzionale - Concessioni acque pubbliche - 30 anni la durata massima

La Corte Costituzionale, con la Sentenza n. 1/2010, ha dichiarato l'illegittimità costituzionale della L.R. Campania n. 8/2008, nella parte in cui fissa una durata di cinquanta anni per le concessioni perpetue già in essere al momento della sua approvazione.

La Corte, infatti, ha affermato che "il principio di temporaneità delle concessioni di derivazione e la fissazione del loro limite massimo ordinario di durata in trenta anni, previsti dal D.Lgs. n.  152/2006, rappresentano un limite alla legislazione regionale".

In definitiva, afferma la Corte, "la previsione di legge statale che fissa il termine di durata delle concessioni di derivazione di acque si giustifica quale livello adeguato e non riducibile in materia di tutela dell’ambiente anche in ragione della incidenza che esso può avere ai fini della VIA, la cui riconduzione alla competenza esclusiva dello Stato, di cui alla lettera s) del secondo comma dell’art. 117 Cost.," è stato ribadito anche di recente (sentenza n. 225 del 2009).


Documenti di approfondimento

Corte Costituzionale Sentenza 14 gennaio 2010, n. 1
Norme impugnate: Artt. 33, c. 10°, 44, c. 8°, e 45, della legge della Regione Campania 29/07/2008, n. 8.

 

 



Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it