Studio Brancaleone




SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

servizi legali Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

consulenza certificazioni Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

consulenza normativa Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

consulenza certificazioni Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Giurisprudenza / Energia

18-6-2010

Energia - TAR Puglia - Certificazione energetica - gli ingegneri possono rilasciarla senza abilitazione

Il TAR della Puglia, con sentenza 11 giugno 2010, n. 2674, ha stabilito che gli ingegneri pugliesi possono rilasciare il Certificato di Sostenibilità Ambientale e l’Attestato di Certificazione Energetica (ACE) senza avere seguito un corso di formazione, avere superato un esame o essere iscritti nell’apposito elenco dei certificatori.

Il TAR Puglia, accogliendo il ricorso degli Ordini degli Ingegneri di Bari, Foggia, Taranto e Lecce, ha annullato infatti la D.G.R. n. 2272/2009 e il R.R. n. 10/2010 della Regione Puglia nelle parti in cui prevedono che gli ingegneri per essere abilitati a svolgere l'attività di certificatori energetici degli edifici debbano frequentare un corso di formazione, superare un esame finale ed essere iscritti ad un apposito albo.

Tali obblighi non sono previsti dall'allegato III del D.Lgs. 115/2008 sui soggetti abilitati alla certificazione energetica degli edifici. La norma si applica nelle more dell'emanazione del regolamento relativo ai certificatori energetici previsto dal D.Lgs. n. 192/2005 e costituisce principio fondamentale cui le Regioni non possono derogare, violando diversamente la riserva statale in materia di professioni in contrasto con la previsione costituzionale di cui all'art. 117, comma 3 Cost..

Il TAR aggiunge infatti che, pur essendo la materia delle professioni di competenza concorrente Stato/Regioni, "spetta unicamente alla legislazione statale creare un nuovo profilo professionale, individuandone requisiti e titoli abilitanti e istituendo un registro regionale ad hoc".


 

 



Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it