Studio Brancaleone




SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

servizi legali Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

consulenza certificazioni Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

consulenza normativa Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

consulenza certificazioni Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Nazionali / Rifiuti

 
18-11-2008 Rifiuti: Nuovo Decreto recepimento Direttiva UE su pile
 
Un sistema di raccolta e riciclo di pile e accumulatori che concilia tutela dell'ambiente e libera concorrenza sul mercato.

Con queste parole d'ordine e' stato licenziato dalle Commissioni di Camera e Senato il testo di recepimento della Direttiva Europea 66/2006 sulla raccolta e il riciclo di pile e accumulatori.

Il testo ha confermato l'impostazione dello schema presentato dal ministero dell'Ambiente di concerto con il ministero dello Sviluppo Economico. Il testo licenziato lo scorso 12 novembre con parere favorevole dalle due commissioni, si fonda su 4 punti salienti. Viene ribadita la liberta' di iniziativa economica: qualunque operatore potra' organizzare autonomamente un'attivita' di raccolta e riciclo dei rifiuti di pile e accumulatori.

Si afferma inoltre il ruolo ambientale del Cobat, il Consorzio obbligatorio Batterie Esauste, attivo da vent'anni, e che continuera' sia nel suo ruolo di salvaguardia ambientale che di monitoraggio dei flussi dei rifiuti.

E' specificata la sussidiarieta' del ruolo del Cobat, che interverra' nelle fasi della raccolta e del riciclo solo nei casi in cui venga meno l'interesse economico delle societa' presenti nel mercato, ad esempio per il calo del valore delle materie prime riciclate, come nel caso del piombo. Infine viene confermato in capo ai produttori di pile e accumulatori il finanziamento mediante il Contributo Ambientale, da versare al Cobat, parte del quale sara' restituito alle imprese che svolgono attivita' di raccolta e di avvio al riciclo dei rifiuti di pile e accumulatori.

Il Sistema dovra' garantire al 2012 un tasso di raccolta minimo del 25% del quantitativo immesso sul mercato; al 2016 la raccolta dovra' raggiungere almeno il 45%.

Inoltre, il testo del decreto conferma il divieto dell'immissione sul mercato di pile ed accumulatori che non soddisfino i requisiti che minimizzano il contenuto di mercurio (non superiore allo 0,0005% in peso) e cadmio (non piu' dello 0,002% in peso).

Vengono assegnate ad un Comitato di Vigilanza e Controllo le funzioni di monitoraggio sull'attuazione del decreto stesso; con relazioni periodiche, il ministero dell'Ambiente trasmetterà alla Commissione Europea aggiornamenti sull'attuazione del provvedimento.
 

 

Documenti di approfondimento

 
Fonte: Ansa


Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it