Studio Brancaleone




SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

servizi legali Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

consulenza certificazioni Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

consulenza normativa Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

consulenza certificazioni Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Nazionali / Ministero ambiente

08-10-2009

Ministero dell'ambiente - regolamento di riorganizzazione

Nella Gazzetta Ufficiale n. 228 del 1 ottobre 2009 è stato pubblicato il Decreto del Presidente della Repubblica  3 agosto 2009, n. 140 “Regolamento recante riorganizzazione del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare”.

Il decreto ridefinisce la struttura del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare ed abroga la disciplina precedente di cui al D.P.R. n. 261/2003.

La nuova disciplina dopo avere ribadito, così come il precedente regolamento, che il Ministero esercita le funzioni di cui all'articolo 35 del D.lgs. n. 300/1999, dispone in merito all'organizzazione dello stesso.

La nuova struttura amministrativa è articolata in cinque Direzioni generali (il regolamento n. 261/2003 abrogato ne prevedeva sei), oltre al Segretario Generale:

  1. Direzione generale per la tutela del territorio e delle risorse idriche;

  2. Direzione generale per la protezione della natura e del mare;

  3. Direzione generale lo sviluppo sostenibile, il clima e l’energia;

  4. Direzione generale per le valutazioni ambientali;

  5. Direzione generale degli affari generali e del personale.

Il Regolamento conferma anche l’operatività presso il Ministero del Reparto ambientale marino (RAM) del Corpo delle capitanerie di porto, del Comando carabinieri per la tutela dell’ambiente (CCTA, ex NOE), del Corpo forestale dello Stato, del Corpo delle capitanerie di porto e dei reparti della Guardia di Finanza e dei reparti delle forze di polizia, previa intesa con i Ministeri competenti.


 



Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it