Studio Brancaleone




SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

servizi legali Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

consulenza certificazioni Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

consulenza normativa Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

consulenza certificazioni Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Nazionali / Rifiuti

13-12-2010

Rifiuti - Pubblicato in Gazzetta il IV decreto correttivo sui rifiuti

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Suppl. Ord. n. 269 - è stato pubblicato il Decreto Legislativo 3 dicembre 2010 n. 205 recante “Disposizioni di attuazione della direttiva 2008/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 19 novembre 2008 relativa ai rifiuti e che abroga alcune direttive”.

Il decreto (IV decreto correttivo al D.Lgs. n. 152/2006), che recepisce la Direttiva 2008/98/CE sui rifiuti, entra in vigore il 25 dicembre 2010 e costituisce un correttivo della normativa quadro in materia di rifiuti disciplinata dalla parte quarta del D.Lgs. n. 152/06 (c.d. Testo Unico Ambientale).

Il provvedimento infatti modifica numerosi articoli della parte quarta (rifiuti) della previgente disciplina e inserisce nel Testo Unico le disposizioni relative al SISTRI (introdotto dal D.M. 17 dicembre 2009), con relative sanzioni, assicurandone il coordinamento.

Tra le altre novità inserite nel decreto, si segnala:

  •  la responsabilità estesa del produttore dei beni e/o dei prodotti, l'introduzione del criterio prioritario della prevenzione dei rifiuti, la previsione del riutilizzo dei prodotti e preparazione per il riutilizzo dei rifiuti;

  • l'inserimento per la prima volta della definizione di riciclaggio;

  • la previsione per le autorità competenti di adottare misure necessarie per il raggiungimento di obiettivi per il riciclaggio almeno per la carta, metalli, plastica e vetro, e ove possibile, per il legno;

  •  l'introduzione del principio di autosufficienza e prossimità per il recupero/smaltimento dei rifiuti non differenziati e della disciplina particolare dei rifiuti organici;

  •  l'aggiunta di nuove definizioni e la modifica di altre quali il deposito temporaneo;

  • la riscrizione parziale delle condizioni per aversi un sottoprodotto e le modalità affinché un rifiuto cessi di essere tale;

  • la previsione per gli  istituti scolastici che attuano sistemi di raccolta differenziata di carta e plastica dell'esenzione dall'obbligo di autorizzazione in quanto presentano rischi non elevati e non sono gestiti su base professionale, al fine di favorire l’educazione ambientale e contribuire alla raccolta differenziata dei rifiuti.

Il provvedimento inoltre sostituisce gli allegati B (Operazioni di smaltimento), C (Operazioni di recupero), D (Elenco CER dei rifiuti), I (Caratteristiche di pericolo dei rifiuti) e inserisce un nuovo allegato L (esempi di misure di prevenzione dei rifiuti).

Il decreto infine modifica anche una disposizione del D.Lgs. n. 151/2005 relativamente ai RAEE esportati, trattati e ai materiali da essi derivanti avviati al recupero e al reimpiego i cui dati devono essere forniti attraverso il sistema SISTRI.


Documenti di approfondimento

◊ Vai alla Sezione Consulenza Area Normativa …>>

◊ Vai alla Sezione Consulenza Area Ambiente …>>

 



Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it