Studio Brancaleone




SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

servizi legali Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

consulenza certificazioni Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

consulenza normativa Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

consulenza certificazioni Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Nazionali / Energia

19-11-2012

Efficienza energetica, pubblicata in Gazzetta la direttiva sulle nuove regole UE

Sulla Gazzetta Ufficiale europea L315 del 14 novembre 2012 è stata pubblicata la Direttiva 2012/27/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 ottobre 2012, sull'efficienza energetica, che modifica le direttive 2009/125/CE e 2010/30/UE e abroga le direttive 2004/8/CE e 2006/32/CE.

 La Direttiva è composta da 30 articoli e 15 allegati, entrerà in vigore il 4 dicembre 2012 e dovrà essere recepita dagli Stati membri entro il 5 giugno 2014.

La direttiva "stabilisce un quadro comune di misure per la promozione dell'efficienza energetica nell'Unione al fine di garantire il conseguimento dell'obiettivo principale relativo all'efficienza energetica del 20 % entro il 2020 e di gettare le basi per ulteriori miglioramenti dell'efficienza energetica al di là di tale data".

Il nuovo quadro giuridico del c.d. "pacchetto clima-energia 20/20/20" prevede, tra le novità, il regime obbligatorio di efficienza energetica in capo agli Stati membri e l'efficientamento degli edifici pubblici di proprietà delle Amministrazioni centrali.

Per i suddetti edifici, è previsto che dal 1° gennaio 2014 ogni anno il 3% della superficie totale degli immobili sia ristrutturata e resa energeticamente efficiente. La norma si applicherà agli edifici con una superficie utile totale superiore ai 550 m² e, dal luglio del 2015, a quelli con una superficie di 250 m².

Inoltre, la direttiva dispone in merito agli audit energetici: gli Stati membri dovranno garantire che le imprese di grandi dimensioni siano soggette a un audit energetico entro il 5 dicembre 2015 e in seguito almeno ogni quattro anni. L'audit dovrà essere  svolto in maniera indipendente ed efficiente in termini di costi da esperti qualificati e/o accreditati o eseguito e sorvegliato da autorità indipendenti conformemente alla legislazione nazionale.

Dal 5 giugno 2014, le direttive 2004/8/Ce (cogenerazione) e 2006/32/Ce (sull’efficienza degli usi finali dell'energia e servizi energetici) salvo alcune disposizioni, sono abrogate.


 



Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it