Studio Brancaleone




SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

servizi legali Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

consulenza certificazioni Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

consulenza normativa Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

consulenza certificazioni Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Nazionali / Rifiuti

31-12-2012

MUD, in Gazzetta il modello per la dichiarazione 2013

Sulla Gazzetta ufficiale n. 302 del 29 dicembre 2012 - supplemento ordinario n. 213 - è stato pubblicato il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 20 dicembre 2012 recante "Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l'anno 2013"

Il provvedimento contiene il modello e le istruzioni dichiarazione ambientale 2013 (Mud) per la presentazione delle Comunicazioni entro il 30 aprile 2013, con riferimento ai rifiuti gestiti nel corso del 2012.

Il Modello unico di dichiarazione ambientale per il 2013 dovrà essere utilizzato "per le dichiarazioni da presentare entro la data prevista dalla legge 25 gennaio 1970, n. 70, e cioè entro il 30 aprile di ogni anno, con riferimento all’anno precedente e sino alla piena entrata in operatività del Sistema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti (SISTRI)".

Il MUD è articolato in Comunicazioni che devono essere presentate dai soggetti tenuti all’adempimento, così individuati:

1.    Comunicazione Rifiuti speciali

•    Chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti;

•    Commercianti ed intermediari di rifiuti senza detenzione;

•    Imprese ed enti che effettuano operazioni di  recupero e smaltimento dei rifiuti;

•    Imprese ed enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi;

•    Imprese agricole che producono rifiuti pericolosi con un volume di affari annuo superiore a Euro 8.000,00;

•    Imprese ed enti produttori che hanno più di dieci dipendenti e sono produttori iniziali di rifiuti non pericolosi derivanti da lavorazioni industriali, da lavorazioni artigianali e da attività di recupero e smaltimento di rifiuti, fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento dei fumi (così come previsto dall'articolo 184 comma 3 lettere c), d) e g)).

Imprese ed enti che producono fino a 7 rifiuti possono presentare la comunicazione rifiuti semplificata su supporto cartaceo.

2.    Comunicazione Veicoli Fuori Uso

•    Soggetti che effettuano le attività di trattamento dei veicoli fuori uso e dei relativi componenti e materiali.

3.    Comunicazione Imballaggi

•    CONAI o altri soggetti di cui all'articolo 221, comma 3, lettere a) e c).

4.    Comunicazione Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche

•    soggetti coinvolti nel ciclo di gestione dei RAEE rientranti nel campo di applicazione del D.Lgs. 151/2005.

5.    Comunicazione Rifiuti Urbani, Assimilati e raccolti in convenzione

•    soggetti istituzionali responsabili del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani e assimilati.

6.    Comunicazione Produttori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche

•    produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche iscritti al Registro Nazionale  e Sistemi Collettivi di Finanziamento.

Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri è completato da 6 allegati:

  • Allegato 1 - Articolazione del modello unico di dichiarazione ambientale
  • Allegato 2 - Sezione rifiuti semplificata
  • Allegato 3 - Sezione anagrafica
  • Allegato 4 - Indicazioni per la presentazione del modello unico di dichiarazione ambientale (MUD) via telematica
  • Allegato 5 - Codici catalogo europeo rifiuti
  • Allegato 6 - Dati identificativi della dichiarazione

 



Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it