SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Regionali / Emilia-Romagna

03-09-2014

Emilia-Romagna - Adozione del Piano Aria Integrato Regionale - PAIR 2020

Con il Piano Aria Integrato Regionale (PAIR 2020) la Regione Emilia-Romagna ha individuato 90 azioni per ridurre l’inquinamento dell’aria mettendo in campo le misure necessarie a rientrare nei valori limite fissati dall’Unione Europea da qui al 2020.

La Giunta regionale ha adottato il Piano dopo il parere favorevole espresso sul documento da parte del Consiglio delle Autonomie Locali.

Le misure intervengono su tutte le fonti di emissione, coinvolgendo cittadini e istituzioni, imprese e associazioni, e sono articolate in cinque ambiti di intervento principali: le città, la pianificazione e l’utilizzo del territorio, lamobilità, l’energia, le attività produttive e l’agricoltura.

Lo scenario di piano così ottenuto mostra che nell’anno 2020 i valori limite per gli inquinanti atmosferici PM10, PM2.5 e NOx saranno rientrati nei limiti stabiliti dall’Unione Europea pressoché su tutto il territorio regionale

Il PAIR è il primo piano di livello regionale adottato in Emilia-Romagna per il risanamento della qualità dell’aria, che parte dall’esperienza sviluppata attraverso l’Accordo di Programma stipulato sin dal 2002 tra Regione, Province e Comuni per mettere a sistema, rafforzare ed ampliare le misure, con l’obiettivo di passare da un approccio di tipo emergenziale ad uno di tipo strutturale, strategico.

 L’insieme delle azioni attivate dal sistema Regione-Enti locali ha consentito infatti negli scorsi anni di ottenere risultati significativi, misurabili nel trend in diminuzione dei principali inquinanti, non sufficienti però a garantire il rispetto dei valori limite stabiliti dall’Unione Europea. Per intervenire con maggiore efficacia sui complessi processi che portano al superamento dei valori limite è necessario ricondurre la pianificazione alla scala territoriale più appropriata, quella regionale, fermo rimanendo il ruolo strategico svolto dagli enti locali nell’attuazione delle misure.

La qualità dell’aria in Emilia-Romagna è fortemente influenzata dalle caratteristiche meteoclimatiche dell’intera pianura padana e risente di sorgenti emissive che risiedono anche all’esterno del territorio regionale. La conseguenza è che, per realizzare misure efficaci, è necessario intervenire in modo coordinato tra le regioni del bacino. Le specificità del Bacino Padano sono riconosciute anche a livello nazionale, come dimostra l’Accordo sottoscritto alla fine del 2013 tra le Regioni e Province autonome del Bacino ed i Ministeri competenti, accordo che costituisce un passaggio fondamentale poiché vede l’azione congiunta di tutti i livelli istituzionali e la previsione di misure di carattere nazionale.

Il PAIR è stato adottato dopo un percorso avviato nel dicembre 2012, che ha portato all’approvazione del documento preliminare lo scorso luglio, ed è stato elaborato attraverso approfondite analisi e valutazioni tecniche condotte dalla Regione, avvalendosi di ARPA e di diversi gruppi di lavoro intersettoriali ed interistituzionali, attraverso l’utilizzo di dati, scenari, strumenti modellistici e applicativi di riconosciuta robustezza tecnico-scientifica, realizzati anche nell’ambito di finanziamenti europei.

Con l’adozione della Giunta prende avvio il periodo di consultazione pubblica per recepire le osservazioni. In accordo con il CAL e ANCI Regionale, e come previsto dallo stesso PAIR, verrà a breve costituita una cabina di regia con Comuni e Province e il supporto tecnico dei Servizi regionali e di Arpa per valutare le osservazioni e definire le metodologie per declinare in maniera specifica e a secondo delle caratteristiche dei diversi territori e aree urbane l’applicazione delle misure previste dal PAIR, fermo restando la necessità di garantire gli obiettivi generali di miglioramento della qualità dell’aria a livello di scala regionale. 


Sito Internet: Regione Emilia-Romagna

 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it