SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Dalle Regioni / Lombardia

16-10-2014

Lombardia, Linee guida per la progettazione e gestione sostenibile delle discariche

La Regione Lombardia, con delibera di Giunta n. X/2461 del 7 ottobre 2014, ha approvato le "Linee guida per la progettazione e gestione sostenibile delle discariche".

Le linee guida, applicabili dal 10 ottobre 2014,  rispondono all'obiettivo della Regione Lombardia di ridurre al minimo l'impatto degli impianti di smaltimento dei rifiuti, mediante l'applicazione delle migliori tecniche disponibili.

Le Linee guida per la progettazione e la gestione sostenibile di nuove discariche in Regione Lombardia sono comprensive di testo e di 6 allegati (da A a F), che potranno essere aggiornati, a seguito di intervenute modifiche normative o evoluzione tecnologica, con decreto del competente Dirigente regionale.  Gli atti superati dall’emanazione delle presenti linee guida sono abrogati.

Nel dettaglio, i documenti approvati sono:

• «Linee guida per la progettazione e gestione sostenibile delle discariche», comprensive dei loro allegati, in particolare:

− Allegato A - «Criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica»;
− Allegato B - «Valori obiettivo di QFD»;
− Allegato C - «Dichiarazione sostitutiva di certificazioni»;
− Allegato D - «Utilizzo di rifiuti per la costruzione delle discariche»;
− Allegato E - «Procedure amministrative»;
− Allegato F - «Procedure collaudi e chiusura discariche inerti».

Le Linee guida si applicano alle nuove istanze di discarica e alle istanze di nuovi lotti di discariche già autorizzate che comportano un aumento di superficie, nonché alle istanze di impianti in corso di istruttoria per le quali non si sia ancora conclusa la procedura di valutazione di impatto ambientale.

Per gli impianti autorizzati o esistenti, nonché per le istanze di impianti in corso di istruttoria per le quali sia stata conclusa la procedura di VIA, tali documenti dovranno costituire un riferimento, per quanto tecnicamente ed economicamente applicabile, finalizzato al miglioramento degli aspetti costruttivi e gestionali e per la minimizzazione degli impatti.


 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it