SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni                  Seguici su: Bottone da cliccare per seguirci su Twitter Bottone da cliccare per iscriverti alla Newsletter

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Dalle Regioni / Emilia-Romagna

25-11-2015

Emilia-Romagna, terza direttiva inquinamento luminoso e risparmio energetico

La Regione Emilia-Romagna, con  Delibera della Giunta 12 novembre 2015, n. 1732, ha approvato la  Terza Direttiva per l'applicazione dell'art. 2 della Legge Regionale 29 settembre 2003, n. 19 recante: "Norme in materia di riduzione dell'inquinamento luminoso e di risparmio energetico".

La direttiva detta criteri, indicazioni tecniche e procedurali ed indirizzi per la corretta applicazione della L.R. 19/2003 recante "Norme in materia di riduzione dell'Inquinamento Luminoso e di risparmio energetico".

La direttiva prevede disposizioni specifiche per i:

  • nuovi impianti di illuminazione pubblica esterna;
  • nuovi impianti di illuminazione privata esterna, fino a 10 apparecchi (piccoli impianti privati senza obbligo di progetto illuminotecnico);
  • nuovi impianti di illuminazione privata esterna, oltre 10 apparecchi (grandi impianti privati con obbligo di progetto illuminotecnico).

Gli interventi di riqualificazione/manutenzione straordinaria degli impianti di illuminazione pubblica esterna esistenti, oltre i 5 punti luce, sono sempre soggetti a redazione del Progetto illuminotecnico da parte di progettista qualificato.

Sono previste delle deroghe all'applicazione della direttiva, tra cui:

  • le sorgenti di uso temporaneo,
  • gli impianti destinati all’illuminazione di emergenza,
  • gli impianti privati qualora il flusso luminoso totale emesso verso l'alto dagli apparecchi illuminanti costituenti l'impianto non superi complessivamente i 2250 lumen,
  • gli impianti privati qualora la potenza totale assorbita dall'impianto non superi i 60W.

La delibera dispone anche per particolari impianti di illuminazione, che sono:

  1. Illuminazione di impianti/aree destinate ad attività sportiva,
  2. Illuminazione architettonica,
  3. Ambiti specializzati per attività produttive,
  4. Insegne di esercizio e altri mezzi pubblicitari luminosi,
  5. Illuminazione di uso temporaneo,
  6. Aree verdi.

La delibera sostituisce integralmente la precedente deliberazione 18 novembre 2013, n. 1688 “Nuova direttiva per l'applicazione dell'art. 2 della legge regionale 29 settembre 2003, n. 19 recante: “Norme in materia di riduzione dell'inquinamento luminoso e di risparmio energetico".


 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it