SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Dalle Regioni / Piemonte

30-09-2015

Piemonte, Disposizioni in materia di attestazione della prestazione energetica

La Regione Piemonte, con Deliberazione della Giunta Regionale 21 settembre 2015, n. 14-2119, ha approvato le "Disposizioni in materia di attestazione della prestazione energetica degli edifici in attuazione del d.lgs. 192/2005 e s.m.i., del d.p.r. 75/2013 e s.m.i., del d.m. 26 giugno 2015 "Adeguamento del decreto del Ministro dello sviluppo economico 26 giugno 2009 - Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici" e degli articoli 39, comma 1, lettera g) e i) e 40 della l.r. 3/2015".

Con il provvedimento, in vigore dal 1° ottobre 2015, il Piemonte uniforma le disposizioni regionali sulla certificazione energetica alla disciplina nazionale, dato atto che la Regione Piemonte, ai sensi dell'art. 3, comma 2 del Dm 26 giugno 2015 che definisce le "Linee guida nazionali per l’attestazione della prestazione energetica degli edifici", rientra tra le regioni in cui le disposizioni dello stesso risultano “direttamente operative”.

Il provvedimento, in attuazione del d.lgs. 192/2005 in materia di rendimento energetico nell’edilizia, del DPR 75/2013 diretto a disciplinare i criteri di accreditamento per assicurare la qualificazione e l'indipendenza degli esperti e degli organismi a cui affidare la certificazione energetica degli edifici, del DM 26 giugno 2015 “Adeguamento del decreto del Ministro dello sviluppo economico 26 giugno 2009 – Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici” e degli articoli 39 comma 1, lett. g) e i) e 40 della l.r. 3/2015, disciplina:

  1. l’adozione di un sistema di accreditamento dei soggetti abilitati al rilascio dell'attestato di prestazione energetica ai sensi dell’art. 4 comma 2 lettera a) e a bis) del DPR 75/2013 e s.m.i.;
  2. le modalità di svolgimento del corso di formazione e aggiornamento ai sensi dell’art. 4 comma 2 lettera c) del DPR 75/2013 e s.m.i.;
  3. le modalità per l’accertamento della correttezza e qualità dei servizi di certificazione ai sensi ai sensi dell’art. 4 comma 2 lettera e) e dell’art. 5 del DPR 75/2013 e s.m.i.;
  4.  il Sistema Informativo regionale per la Prestazione Energetica degli Edifici (di seguito denominato SIPEE) utile anche al fine di monitorare l’impatto del sistema di certificazione degli edifici in termini di adempimenti burocratici, oneri e benefici per i cittadini ai sensi dell’art. 4 comma 2 lettera d) del DPR 75/2013 e s.m.i.

Certificatori della prestazione energetica degli edifici

Per essere abilitati all’attività di attestazione della prestazione energetica degli edifici, oltre al possesso dei requisiti previsti dal Dpr 75/2013, bisogna essere iscritti nell'"Elenco regionale dei soggetti abilitati al rilascio dell’attestato di prestazione energetica”. I  tecnici, inoltre devono essere abilitati, nell'ambito delle specifiche competenze attribuite dalla legislazione vigente, all'esercizio della professione relativa alla progettazione di edifici e impianti asserviti agli edifici ed essere iscritti al relativo ordine o collegio professionale, ove esistente.

Attestato di prestazione energetica

L’attestazione di prestazione energetica deve essere richiesta, a spese del costruttore,  proprietario o detentore dell’immobile, ad un soggetto inserito nell’Elenco regionale dei professionisti e dei soggetti abilitati.


 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it