SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Dalle Regioni / Toscana

03-03-2016

Toscana, Riordino delle funzioni amministrative in materia ambientale

La Regione Toscana, con legge n. 15 del 24 febbraio 2016, ha approvato il "Riordino delle funzioni amministrative in materia ambientale in attuazione della l.r. 22/2015 nelle materie rifiuti, tutela della qualità dell'aria, inquinamento acustico. Modifiche alle leggi regionali 25/1998, 89/1998, 9/2010, 69/2011 e 22/2015".

La legge, in vigore dal 3 marzo 2016 e in attuazione della l.r. 22/2015, adegua la normativa regionale in materia di gestione dei rifiuti, di tutela della qualità dell’aria e di inquinamento acustico mediante l’espressa attribuzione alla Regione delle funzioni esercitate dalle province e dalla Città metropolitana di Firenze.

In particolare, la legge modifica le relative leggi regionali: 25/1998 (in materia di gestione dei rifiuti e bonifica dei siti inquinati), 89/1998 (in materia di inquinamento acustico), 9/2010 (in materia di tutela della qualità dell’aria ambiente), 69/2011 (di istituzione dell’autorità idrica toscana e delle autorità per il servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani) e 22/2015 (sul riordino delle funzioni provinciali)".

Come si legge in premessa, il trasferimento di competenza riguarda:

  • gestione dei rifiuti - al fine di superare la frammentazione delle competenze in tale materia e garantire quindi una più efficace ed efficiente azione amministrativa, vengono allocate in capo alla Regione anche le residue funzioni che la legge regionale 28 ottobre 2014, n. 61 (Norme per la programmazione e l’esercizio delle funzioni amministrative in materia di gestione dei rifiuti) aveva riservato alle province e alla Città metropolitana di Firenze;
  • tutela della qualità dell’aria - sono trasferite alla Regione le funzioni esercitate dalle province e dalla Città metropolitana di Firenze, con particolare riferimento a quelle autorizzative, di controllo e di coordinamento della pianificazione al livello comunale;
  • inquinamento acustico - sono trasferite alla Regione le funzioni amministrative, svolte dalle province e dalla Città metropolitana di Firenze, riguardanti, in particolare, l’esercizio dei poteri sostitutivi in caso di mancata approvazione dei piani comunali di risanamento acustico nonché la vigilanza ed il controllo sugli ambiti territoriali sovra comunali.

 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it