SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Dalle Regioni / Abruzzo

28-02-2018

Abruzzo, modifica disciplina Valutazioni ambientali

La Regione Abruzzo, con delibera di Giunta n. 660 del 14 novembre 2017, ha approvato "Valutazione di Impatto Ambientale – Disposizioni in merito alle procedure di Verifica di assoggettabilità a VIA ed al Provvedimento autorizzatorio unico regionale di VIA ex art. 27 bis del Dlgs 152/2006 così come introdotto da dal D.lgs. 104/2017 e riformulazione del CCR-VIA".

La delibera in particolare individua i soggetti regionali preposti al “Provvedimento autorizzatorio unico regionale” in materia di VIA come segue:

  • il CCR-VIA - Comitato di Coordinamento Regionale per la valutazione di Impatto Ambientale – è l’Autorità Regionale competente al rilascio del “provvedimento di VIA” indicato al comma 7 dell’art. 27 bis del Dlgs 152/2006;
  •  Il Servizio Valutazioni Ambientali del Dipartimento Opere Pubbliche è l’Autorità Compente all’indizione, svolgimento ed emanazione del provvedimento finale della conferenza dei servizi prevista al comma 7 dell’art. 27 bis;
  • Inoltre, con la delibera è adottata la nuova modulistica, nonché le “Specifiche tecniche e guida operativa per le procedure di VIA,VA,VAS e VINCA”.

La delibera è stata emanata in virtù del D.lgs. 104/2017, che ha modificato la parte seconda del D.lgs. 152/2006 introducendo in particolare:

  • uno snellimento delle procedure di Verifica di assoggettabilità a VIA, disciplinate dell’art. 19 del D.lgs. 152/2006 nel testo introdotto dal D.lgs. 104/2017; 
  • il “Provvedimento autorizzatorio unico regionale” così come disciplinato dall’art. 27 bis introdotto dal suddetto D.lgs. 104/2017 che ha previsto al comma 1,  nel caso di progetti sottoposti al procedimento di VIA di competenza regionale, un unico procedimento finalizzato “al rilascio di tutte le autorizzazioni, intese, concessioni, licenze, pareri, concerti, nulla osta e assensi comunque denominati necessari alla realizzazione e all’esercizio del medesimo progetto”.

Di conseguenza, la DGR 930 del 30.12.2016 risulta non più applicabile in quanto adottata in forza di un atto legislativo ora non più vigente.


 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it