SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Dalle Regioni / Basilicata

21-11-2018

Basilicata, nuova disciplina in materia di rifiuti e bonifica di siti inquinati

La Regione Basilicata ha approvato la Legge Regionale 16 novembre 2018, n. 35 recante "Norme di attuazione della parte IV del D. Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica di siti inquinati - Norme in materia ambientale e della legge 27 marzo 1992, n. 257 - Norme relative alla cessazione dell'impiego dell'amianto".

La legge, pubblicata sul Suppl. Ord. al B.U.R. 16/11/2018, n. 48 e in vigore dal 17/11/2018, riordina la normativa regionale in materia di gestione dei rifiuti, bonifica dei siti inquinati e difesa dai pericoli derivanti dalla presenza di amianto in attuazione della normativa statale.

In particolare, la legge, come recita l'art. 1, disciplina:

  1. le competenze dei soggetti che esercitano poteri e funzioni in materia di gestione integrata dei rifiuti, di bonifica dei siti inquinati e di difesa dai pericoli derivanti dalla presenza di amianto;
  2. gli strumenti della pianificazione regionale nelle materie di cui alla lettera a);
  3. l’organizzazione del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani, in attuazione della normativa comunitaria, nazionale di settore e della legge regionale 8 gennaio 2016, n. 1 “Istituzione dell’ente di Governo per i rifiuti e le risorse idriche della Basilicata, EGRIB”, secondo i principi di sussidiarietà, differenziazione, adeguatezza, nonché di leale collaborazione tra gli enti locali;
  4. la gestione dei rifiuti speciali e di particolari categorie di rifiuti;
  5. la determinazione dell'ammontare del tributo speciale, cosiddetto Ecotassa, per il deposito in discarica dei rifiuti, nonché per lo smaltimento dei rifiuti tal quali in
    impianti di incenerimento senza recupero di energia, di cui all’articolo 3, commi da 24 a 40 della legge 28 dicembre 1995, n. 549;
  6. il sistema sanzionatorio in materia di produzione dei rifiuti e di tributo speciale per il deposito in discarica dei rifiuti, nonché per lo smaltimento dei rifiuti tal quali in impianti di incenerimento senza recupero di energia;
  7. la promozione di campagne di informazione, sensibilizzazione e prevenzione;
  8. la messa in sicurezza, bonifica e ripristino ambientale dei siti inquinati sul territorio regionale;
  9. le misure per la protezione dell’ambiente, lo smaltimento e la bonifica ai fini della difesa dei pericoli derivanti dall’amianto.

 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it