SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Dalle Regioni / Piemonte

01-10-2018

Piemonte, gestione speciale fanghi di depurazione

Regione Piemonte - Decreto del Presidente della Giunta Regionale 21 settembre 2018, n. 77 recante "Ordinanza contingibile e urgente del Presidente della Giunta regionale per il ricorso temporaneo a particolari forme di gestione dei fanghi prodotti dal trattamento delle acque reflue urbane (EER 190805) al fine di scongiurare l’interruzione del servizio pubblico di depurazione".

L'ordinanza, pubblicata sul Bur  del 27/09/2018,  dispone “il ricorso temporaneo a particolari forme di gestione dei fanghi prodotti dal trattamento delle acque reflue urbane (EER 190805), al fine di scongiurare l’interruzione del servizio pubblico di depurazione“.

In particolare, sono individuate forme straordinarie temporanee e speciali di gestione dei fanghi, anche in deroga alle disposizioni vigenti, per un periodo di 6 mesi, prevedendo l’ampliamento dei tempi di deposito temporaneo, di messa in riserva e di stoccaggio dei fanghi, oltre all’integrazione della possibilità di ritirare tale rifiuto (codice EER 190805 – "fanghi prodotti dal trattamento delle acque reflue urbane", ex allegato D, parte IV, D.lgs. 152/2006), purché prodotto in  Piemonte, per gli impianti tecnicamente compatibili che già non lo contemplano nelle previsioni autorizzative.

A tal fine, le misure sono:

  • gli impianti di depurazione delle acque reflue urbane possono derogare al limite temporale di 3 mesi previsto per il deposito temporaneo per il codice EER 190805, entro comunque il limite massimo di un anno, garantendo il rispetto delle norme di buona tecnica, anche al fine di contenere l’impatto odorigeno;
  • gli impianti di trattamento autorizzati alle operazioni D1, D8, D9, D13, D14, D15, R1 e/o D10, R3, R10, R11, R12 e R13 possono ritirare il codice EER 190805 prodotto in Regione Piemonte, purché compatibile con le tipologie di trattamento operanti presso gli impianti stessi, qualora tale codice non sia già contenuto nell’atto autorizzativo;
  • gli impianti che ritirano il codice EER 190805 per effettuare operazioni R13 o D15, qualora tecnicamente possibile e garantendo il rispetto delle norme di buona tecnica, anche al fine di contenere l’impatto odorigeno, possono superare le soglie temporali di 12 mesi fino ad un massimo di 24 mesi, nonché le soglie quantitative stabilite dagli atti autorizzativi purchè tale rifiuto sia stato prodotto in Regione Piemonte;
  • gli impianti autorizzati al recupero del rifiuto organico, qualora tecnicamente possibile, integrano la possibilità di ritirare il codice EER 190805 prodotto in Regione Piemonte: al solo fine di trattare i fanghi in oggetto – e nel rispetto di quanto disposto dal decreto legislativo 75/2010 in riferimento all’ammendante compostato con fanghi – è consentito il superamento fino al 10 % del quantitativo massimo trattabile su base annuale stabilito nell’atto autorizzativo;
  • per gli impianti di produzione o trattamento dei fanghi con codice EER 190805 autorizzati ad operazioni R13 l’autorizzazione si intende integrata con l’operazione D15;
  • gli impianti di depurazione possono, per un periodo non superiore a 12 mesi, utilizzare aree di cui hanno disponibilità al fine di provvedere al deposito di fanghi con codice EER 190805, purché siano garantiti i requisiti minimali per i presidi igienico sanitari e ambientali, quali il controllo di accesso alle aree, la impermeabilizzazione del fondo, la raccolta delle acque di percolazione, una adeguata cartellonistica che identifichi i singoli lotti;
  • gli impianti di discarica per rifiuti non pericolosi che intendono ritirare il codice EER 190805, purché prodotto in Regione Piemonte, sono soggetti al limite relativo alla concentrazione di sostanza secca non inferiore al 20 %; tali impianti usufruiscono della definizione di cui all’articolo 2 c. 1 lett. b) del decreto legislativo 99/1992, ove per fango trattato si intende anche il fango sottoposto a deposito a lungo termine (deposito non inferiore a sei mesi).

Gli impianti che intendono avvalersi di tali deroghe devono comunicarlo in via preventiva alla Regione Piemonte tramite pec all’indirizzo “territorio-ambiente@cert.regione.piemonte.it“ citando nell’oggetto “Ordinanza regionale fanghi”, alla Provincia/Città Metropolitana e ASL di competenza, ai Comuni interessati, e all’ARPA Piemonte.


26-09-2019 Piemonte, reiterazione gestione speciale fanghi di depurazione

 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it