SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Dalle Regioni / Puglia

30-03-2018

Puglia, tributo speciale deposito rifiuti in discarica

Con Legge regionale n. 8 del 27 marzo 2018 la Regione Puglia ha approvato il “Tributo speciale per il deposito in discarica e in impianti di incenerimento senza recupero energetico dei rifiuti solidi”.

Il tributo speciale per il deposito in discarica dei rifiuti solidi, istituito dall’articolo 3, comma 24, della legge 549/1995 (Misure di razionalizzazione della finanza pubblica), si applica ai rifiuti di cui alla parte quarta del d.lgs. 152/2006 (Testo Unico Ambientale), compresi i fanghi palabili:

  1. conferiti in discarica e in impianti di incenerimento senza recupero energetico dei rifiuti solidi;
  2.  smaltiti tal quali in impianti di incenerimento senza recupero di energia o comunque classificati esclusivamente come impianti di smaltimento mediante l’operazione “D10 Incenerimento a terra” ai sensi dell’allegato B) della parte quarta del d.lgs. 152/2006;
  3.  abbandonati o scaricati in depositi incontrollati o in discariche abusive.

Il tributo è dovuto:

  1.  dal gestore di impianti di stoccaggio definitivo di rifiuti;
  2.  dal gestore di impianti di incenerimento, comunque denominati, senza recupero di energia o comunque classificati esclusivamente come impianti di smaltimento mediante l’operazione “D10 Incenerimento a terra” ai sensi dell’allegato B) della parte quarta del d.lgs. 152/2006;
  3.  da chiunque eserciti attività di discarica abusiva e da chiunque abbandoni, scarichi ed effettui
    deposito incontrollato di rifiuti.

La misura del tributo è diversificata in relazione alla categoria di rifiuto (pericoloso, non pericoloso,...), mentre sono previste delle riduzioni in base alla quota percentuale di superamento del livello di raccolta differenziata del 65 per cento, al fine di incentivare la raccolta differenziata di rifiuti urbani e assimilati.


 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it