SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Dalle Regioni / Umbria

16-10-2018

Umbria, Linee guida per la targatura degli impianti termici

Deliberazione Giunta Regionale Umbria 19 settembre 2018, n. 1013 "Adozione delle "Linee guida per la targatura degli impianti termici", disposizioni per l’avvio delle attività di targatura e precisazioni relative al punto 9.5 dell'allegato alla D.G.R. 5 dicembre 2016, n. 1431".

Come riportato in premessa, "Attraverso il sistema di targatura il provvedimento persegue l’obiettivo di identificare in maniera univoca gli impianti termici presenti nel territorio, associando un codice catasto ad ogni libretto di impianto, anche al fine rendere più snelle le operazioni di redazione e invio degli allegati di manutenzione e di efficienza energetica da parte del manutentore".

La delibera dispone che il nuovo sistema di targatura degli impianti termici venga introdotto gradualmente a opera degli addetti del settore (installatori e/o manutentori).

In particolare, la targatura degli impianti termici:

  • viene effettuata dai manutentori e/o installatori degli impianti termici in occasione dei controlli;
  • da ottobre 2018 prende avvio in via sperimentale, le operazioni saranno svolte da alcuni installatori e/o manutentori, i cui nominativi saranno forniti, su base volontaria, dalle associazioni di categoria;
  • dal 15 aprile 2019 diviene obbligatoria per tutti gli installatori e/o manutentori.

Inoltre, la delibera precisa che l'invio della comunicazione da parte dell'Autorità competente al responsabile dell'impianto della cessata validità del rapporto di controllo (di cui al punto 9.5 dell'Allegato alla D.G.R. 1431/2016) rappresenta una mera comunicazione e, di di conseguenza, il suo mancato ricevimento non esime il cittadino dall’effettuazione dei controlli di efficienza energetica degli impianti termici. Inoltre, il ritardato o mancato invio non pregiudica la facoltà dell’autorità competente di effettuare le ispezioni.


 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it