SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni                  Seguici su: Bottone da cliccare per seguirci su Twitter Bottone da cliccare per seguirci su Linkedin Bottone da cliccare per iscriverti alla Newsletter

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Dalle Regioni / Veneto

18-04-2020

Veneto, gestione dei rifiuti in deroga per emergenza Covid-19

Regione Veneto - Ordinanza del Presidente della Giunta regionale n. 41 del 15 aprile 2020 recante "Disposizioni urgenti in materia di gestione rifiuti a seguito dell'emergenza epidemiologica da COVID -19. Art. 191 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 ss.mm.ii".

Con l'Ordinanza contingibile e urgente 41/2020 si consente il ricorso temporaneo a speciali forme di gestione dei rifiuti, anche in deroga alle disposizioni vigenti, ampliando nel rispetto delle condizioni di sicurezza riguardo alla tutela dell’ambiente e alla prevenzione incendi:

  • la capacità massima di stoccaggio negli impianti autorizzati ad operazioni di gestione rifiuti di deposito preliminare (D15) e messa in riserva (R13);
  • il limite temporale e i quantitativi per il deposito temporaneo di rifiuti;
  • il deposito di rifiuti urbani presso i centri comunali di raccolta.

In particolare, le deroghe riguardano:

Stoccaggio rifiuti

  • I titolari di autorizzazione alla gestione rifiuti di deposito preliminare (D15) e messa in riserva (R13) possono aumentare la capacità annua e istantanea di stoccaggio nel limite massimo del 20% (nel rispetto delle disposizioni in materia di prevenzione incendi e delle disposizioni in materia di elaborazione dei Piani di emergenza e a condizione comunque che detto limite rappresenti una modifica non sostanziale ai sensi del d.lgs. 152/2006).
  • L'aumento di cui sopra è consentito anche  ai titolari di autorizzazione in semplificata per l’effettuazione di operazioni di recupero (artt. 214 e 216 del D.lgs. 152/2006), ferme restando le “quantità massime” fissate dal DM 05.02.1998 (Allegato IV), dal DM n. 161 del 12.06.2002 e dal DM n. 269 del 17.11.2005.

Per avvalersi delle suddette deroghe, i titolari degli impianti devono inviare un'autodichiarazione (ai sensi del DPR 445/2000) accompagnata da una relazione tecnica alle autorità attestante tra l'altro il rispetto delle prescrizioni previste nell'ordinanza in commento.

Deposito temporaneo rifiuti

Nel periodo di vigenza dello stato emergenziale, il deposito temporaneo di rifiuti (art. 183, comma 1, lett bb) del d.lgs n. 152/2006) è consentito  con le seguenti deroghe:

  • devono essere avviati ad operazioni di recupero o smaltimento con cadenza almeno semestrale, indipendentemente dalle quantità in deposito;
  •  devono essere avviati ad operazioni di recupero o smaltimento quando i quantitativi in deposito raggiungono i 60 metri cubi di cui al massimo 20 metri cubi di rifiuti pericolosi. Il limite temporale massimo di deposito non può avere durata superiore ai 18 mesi nel caso in cui i quantitativi descritti vengano raggiunti nell’arco temporale di un anno.

 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it