SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni                  Seguici su: Bottone da cliccare per seguirci su Twitter Bottone da cliccare per seguirci su Linkedin Bottone da cliccare per iscriverti alla Newsletter

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Dalle Regioni / Emilia-Romagna

09-06-2021

Emilia-Romagna, differimento termini Aia ed Aua per Covid-19

Delibera Giunta Regionale 26 aprile 2021, n. 580 "Ulteriori disposizioni temporanee per il differimento di taluni adempimenti previsti nelle autorizzazioni A.I.A. ed A.U.A. in seguito all'emergenza COVID-19".

La Dgr 580/2021, pubblicata sul Bur n. 170 del 09.06.2021, fornisce indicazioni operative temporanee valide fino al 30 giugno 2021 relativamente ai problemi riscontrati con le scadenze previste nelle AIA e nelle AUA.

 In particolare, la delibera prevede che:

  1. le frequenze assegnate agli autocontrolli, con scadenze previste all’interno del primo semestre del 2021 per il monitoraggio delle prestazioni ambientali dell’installazione, non sono da considerarsi tassative. Nel caso di impossibilità ad effettuare alcuni degli autocontrolli previsti entro una determinata data indicata nell’autorizzazione durante il primo semestre 2021, l’azienda è tenuta a comunicare tale circostanza al Servizio Autorizzazioni e Concessioni di ARPAE (SAC), anche per le vie brevi (e-mail) e tali autocontrolli potranno essere effettuati in una data successiva, purché entro il 30 giugno 2021, in modo che il numero annuale di autocontrolli sia rispettato, senza necessità di modifiche dell’autorizzazione;
  1. per le comunicazioni di dati di monitoraggio o di controllo (report annuale AIA), normalmente previste entro il 30 aprile, qualora si verifichino circostanze legate all’emergenza in atto che impediscono all’azienda il rispetto dei termini, il gestore ne dà comunicazione alla SAC competente, possibilmente entro il giorno precedente alla scadenza, indicando una nuova data entro la quale si ritiene di poter adempiere, comunque non successiva al 30 giugno 2021. Tali comunicazioni sono da intendersi come richieste di modifica non sostanziale automaticamente accettate dagli uffici. Per agevolare tali comunicazioni sarà possibile l’invio, oltre che con le modalità telematiche ordinariamente previste, anche tramite PEC al Servizio autorizzazione e concessioni (SAC) competente per territorio. Non è dovuta alcuna tariffa istruttoria.

◊ Vai alla Sezione Consulenza Area Normativa …>>

♦ Vai alla Sezione Consulenza Area AMBIENTE…>>

 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it