SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni                  Seguici su: Bottone da cliccare per seguirci su Twitter Bottone da cliccare per seguirci su Linkedin Bottone da cliccare per iscriverti alla Newsletter

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi online

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Dalle Regioni / Emilia-Romagna

29-06-2021

Emilia-Romagna, nuova web app per bruciare residui vegetali

La regione Emilia-Romagna, per il rischio incendi, ha sviluppato la nuova web app per cittadini e aziende che vogliono bruciare residui vegetali.

In aggiunta alla segnalazione ai Vigili del Fuoco, l’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile dell’Emilia-Romagna ha creato la nuova web app, su smartphone o su computer, per segnalare l’intenzione di procedere ad abbruciamenti di residui vegetali, una pratica molto diffusa in campagna ma che può rivelarsi assai pericolosa, se non eseguita correttamente, soprattutto durante la stagione calda e secca.

Chiunque intenda bruciare in modo controllato residui vegetali ha infatti l’obbligo di dare preventiva comunicazione ai Vigili del fuoco; l’obbligo vale anche per i fuochi accesi dai gruppi scout. L’operazione va in ogni caso conclusa entro 48 ore dalla segnalazione.

A tal riguardo, se correttamente compilata, la web app, utilizzabile all'indirizza https://segnalazioneabbruciamenti.regione.emilia-romagna.it/form-fire, procederà automaticamente a segnalare l’abbruciamento a Vigili del fuoco, Comune e Carabinieri forestali per gli eventuali controlli.

L’abbruciamento dei residui vegetali è vietato nei periodi dichiarati dalla Regione di “grave pericolosità” (codice Arancione); altrimenti è consentito nelle modalità previste dal regolamento forestale e nel rispetto delle misure regionali per la tutela della qualità dell’aria. Inoltre, va preventivamente contattato il Comune nel cui territorio si intende effettuare l’abbruciamento, per verificare se siano in atto provvedimenti locali più restrittivi.


Fonte: Emilia-Romagna

 


Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it