Studio Brancaleone




SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

SERVIZI LEGALI
servizi legali
Assistenza giudiziale in materia ambientale
CONSULENZA NORMATIVA
consulenza normativa
Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, audit di conformità
CONSULENZA CERTIFICAZIONI

Assistenza e consulenza su sistemi di gestione e certificazioni di prodotto
FORMAZIONE 

Corsi per aziende e Enti pubblici
FINANZIAMENTI
assistenza finanziamenti
Ricerca finanziamenti, assistenza e realizzazione progetti  
SERVIZI ON-LINE

Pareri giuridici on-line servizio di aggiornamento normativo



Archivio News
 
Area Normativa




News / Finanziamenti / UE

10-01-2014

Aiuti de minimis, pubblicato il nuovo Regolamento Ue

La Commissione europea ha approvato il Regolamento UE N. 1407/2013 del 18 dicembre 2013, relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea agli aiuti «de minimis», nonché il Regolamento N. 1408/2013 specifico per il settore agricolo.

I due regolamenti approvati dalla Commissione, che entrano in vigore il 1° gennaio 2014 e si applicheranno sino al 31 dicembre 2020, prevedono appunto la nuova disciplina sugli aiuti d'importanza minore (c.d. “de minimis”), cioè quelle sovvenzioni di importo minimo concesse ad un impresa in un determinato arco temporale che non devono essere notificate alla Commissione stessa in quanto non vengono considerate aiuti di Stato perché inidonee ad alterare la concorrenza.

 

Regolamento UE N. 1407/2013

Il nuovo regolamento "de minimis" sostituisce il precedente regolamento (CE) n. 1998/2006 rivedendo alcune condizioni in esso previste, altre norme vengono confermate nella sostanza chiarendone la portata: è suddiviso in otto articoli (il precedente era di sei articoli), chiarisce i criteri per stabilire quando due o più imprese all’interno dello stesso Stato membro debbano essere considerate "impresa unica", mantiene invece il massimale di 200mila euro (100mila euro nel settore del trasporto di merci su strada per conto terzi) per gli aiuti che un’impresa unica può ricevere nell’arco di tre anni da uno Stato membro.

Il regolamento si applica agli aiuti concessi alle imprese di qualsiasi settore, ad eccezione:

  • delle imprese operanti nel settore della pesca e dell’acquacoltura;
  • della produzione primaria dei prodotti agricoli;
  • delle imprese operanti nel settore della trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli, limitatamente ad alcune fattispecie;
  • degli aiuti per attività connesse all’esportazione verso paesi terzi o Stati membri o direttamente collegati ai quantitativi esportati;
  • degli aiuti subordinati all’impiego di prodotti nazionali rispetto a quelli di importazione.

 

Regolamento UE N. 1408/2013

Il nuovo regolamento sugli aiuti "de minimis" nel settore della produzione primaria di prodotti agricoli sostituisce la disciplina prevista dal Regolamento (CE) n. 1535/2007, con alcune significative novità e descrivendo inoltre in modo più completo i tipi di aiuti che possono rientrare nel suo campo di applicazione.

Tra le novità, il nuovo regolamento:

  •  raddoppia – passando da 7.500 a 15.000 euro – il massimale di aiuto ottenibile per beneficiario, per un periodo di tre esercizi finanziari;
  • aumenta all’1%, rispetto allo 0,75% precedente, il valore della produzione agricola di ciascuno Stato membro, per commisurare il plafond nazionale degli importi degli aiuti “de minimis” concedibili.

 

 


ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it



Servizio di
documentazione
normativa

I documenti contrassegnati con
sono riservati e a pagamento.
Per informazioni sull'acquisto
vedi la pagina delle condizioni