SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Finanziamenti / UE

10-07-2014

Aiuti di Stato per l'ambiente, pubblicato il nuovo Regolamento UE

Con Regolamento 651/2014/UE pubblicato sulla Gazzetta ufficiale europea è entrata in vigore dal 1° luglio 2014 la nuova disciplina degli Aiuti di stato compatibili con il mercato interno compresi quelli per la tutela ambientale che sostituisce la precedente del 2008.

Il nuovo regolamento migliora la definizione delle priorità delle attività di applicazione delle norme in materia di aiuti di Stato e prevede una maggiore semplificazione promuovendo una maggiore trasparenza, valutazione e controllo effettivi del rispetto delle norme sugli aiuti di Stato a livello nazionale e dell'Unione.

La nuova regolamentazione che si applica fino al 31 dicembre 2020 prevede che a determinate condizioni, alcune categorie di aiuti possano essere esentate dall'obbligo di notifica alla Commissione Europea tra cui:

- gli aiuti a favore delle piccole e medie imprese (PMI)

 - gli aiuti alla ricerca, sviluppo e innovazione

 - gli aiuti per la tutela dell'ambiente

- gli aiuti all'occupazione e alla formazione

- gli aiuti a finalità regionale, ecc...

Gli aiuti per la tutela dell'ambiente sono quegli aiuti agli investimenti che consentono alle imprese di andare oltre le norme obbligatorie dell'Unione in materia di tutela ambientale in modo da conseguire un livello più elevato di tutela ambientale.

Tra gli aiuti agli investimenti per la tutela dell'ambiente previsti dal regolamento possono esserci quelli per l'adeguamento anticipato a future norme dell'Unione, misure di efficienza energetica anche degli immobili, cogenerazione ad alto rendimento, produzione di energia da fonti rinnovabili, studi ambientali compresi audit energetici, risanamento di siti contaminati, riciclaggio e riutilizzo dei rifiuti oppure sotto forma di sgravi da imposte ambientali.

L'intensità di aiuto per la tutela dell'ambiente non può superare il 40 % dei costi ammissibili e può essere aumentata del 10% per gli aiuti concessi alle medie imprese e del 20% per gli aiuti concessi alle piccole imprese.


Sito internet: Unione Europea

 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it