SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Finanziamenti / Emilia-Romagna

24-11-2016

Emilia-Romagna - POR FESR: contributi alle imprese turistico-culturale del territorio

La Regione Emilia-Romagna, per migliorare l’attrattività turistico-culturale del territorio attraverso la qualificazione innovativa delle imprese del comparto turistico, commerciale e culturale, ha pubblicato un bando sull’Asse 3, Azioni 3.3.2 e 3.3.4 del POR FESR 2014-2020, che mette a disposizione complessivamente circa 15 milioni di euro per il finanziamento di progetti a fondo perduto.

I progetti da finanziare dovranno contribuire a creare nuove opportunità di sviluppo e di occupazione qualificata per la valorizzazione intelligente del territorio.  

Progetti finanziabili

- Misura A - Progetti innovativi per la valorizzazione del settore ricettivo (risorse complessive: 7,5 milioni di euro)

Progetti finalizzati alla qualificazione e valorizzazione delle destinazioni e dei prodotti turistici e della capacità attrattiva del territorio dell’Emilia-Romagna attraverso interventi di riqualificazione delle strutture ricettive alberghiere e all’aria aperta e/o finalizzati all’offerta o ampliamento di nuovi servizi e/o prodotti nell’ambito delle stesse. Questi progetti dovranno prevedere un costo di investimento di almeno 250 mila euro se presentati da singoli, o di almeno 400 mila euro se presentati da raggruppamenti.

- Misura B - Progetti innovativi per la valorizzazione del settore del commercio e dei pubblici esercizi (risorse complessive: 4,5 milioni di euro)

Progetti finalizzati alla qualificazione e valorizzazione delle destinazioni e dei prodotti turistici e della capacità attrattiva del territorio dell’Emilia-Romagna attraverso interventi di riqualificazione delle strutture in cui si esercitano attività di commercio al dettaglio, pubblici esercizi e attività di commercio su aree pubbliche all’interno di mercati stabili e/o finalizzati all’offerta o ampliamento di nuovi servizi e/o prodotti nell’ambito delle stesse. I progetti dovranno prevedere un costo di investimento di almeno 50 mila euro se presentati da singoli, o di almeno 150 mila euro se presentati in forma aggregata.

- Misura C - Progetti innovativi per la valorizzazione degli attrattori culturali del settore cinematografico, teatrale, musicale e artistico del territorio dell’Emilia-Romagna e per la creazione di nuovi musei d’impresa (risorse complessive: 2,8 milioni di euro)

Progetti finalizzati:

- all’ampliamento e valorizzazione dell’offerta culturale dell’Emilia-Romagna attraverso interventi di riqualificazione e offerta di nuovi servizi/prodotti in sale e strutture adibite a rappresentazioni cinematografiche, teatrali, musicali e artistiche;

- alla trasmissione dei valori e della cultura di impresa attraverso la creazione, all’interno dei luoghi aziendali, di musei rappresentativi dell’identità e della storia aziendale, oppure di percorsi di visita e/o partecipazione al processo produttivo.

I progetti dovranno prevedere un costo minimo di investimento di almeno 50 mila euro.

Destinatari dei contributi

Possono presentare domanda di contributo i seguenti soggetti del territorio regionale:

- Misura A: imprese individuali, società (di persone, di capitale, cooperative) con caratteristiche di PMI.

- Misura B: imprese individuali, società (di persone, di capitale, cooperative) con caratteristiche di PMI, oppure assegnatari, in regime di concessione, di posteggi per la vendita al pubblico in aree mercatali stabili.

- Misura C: imprese individuali, società (di persone, di capitale, cooperative) con caratteristiche di PMI, oppure fondazioni e associazioni, non partecipate da soggetti pubblici, con caratteristiche di PMI. Questi soggetti possono presentare progetti singolarmente oppure in forma aggregata, tramite la costituzione di associazioni temporanee di imprese (A.T.I.) e/o di reti di imprese formalizzata in apposito contratto.

Spese ammissibili

I contributi possono coprire: spese per opere edili, murarie e di impiantistica; spese per  progettazione, direzione lavori, oneri di sicurezza e collaudo connesse agli interventi (nella misura massima del 10% delle spese per opere edili, murarie ed impiantistiche); spese per l’acquisto di macchinari, attrezzature, impianti opzionali, dotazioni informatiche e arredi; spese per l’acquisto di software e relative licenze d’uso, funzionali all’attività, compresi la realizzazione dei siti internet e di e-commerce; spese per servizi di consulenza o servizi equivalenti finalizzati alla realizzazione del progetto (nella misura massima del 10% del totale delle altre spese).

Entità del contributo regionale

I contributi sono erogati in misura variabile - dal 10% al 40% dei costi ammissibili dei progetti - a seconda del regime di aiuto scelto dal richiedente (regime de minimis o regime di esenzione art. 17 Regolamento UE 1407/2013).  L’importo massimo erogabile, qualunque sia il regime di aiuto scelto, non può comunque superare 200.000 euro. Ai progetti che dimostrino di avere ricadute positive in termini di incremento occupazionale a tempo indeterminato possono essere riconosciute premialità aggiuntive.  

Scadenza per la presentazione delle candidature

Le domande di contributo devono essere presentate esclusivamente per via telematica dal 10 gennaio 2017 al 28 febbraio 2017.


Sito internet: Regione Emilia-Romagna

 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it