SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Giurisprudenza / Rifiuti

02-05-2013

Cassazione penale, conferimento rifiuti impianto non autorizzato

La Corte di Cassazione, sez. III penale, con la sentenza 9 aprile 2013, n. 16209, si è pronunciata su un trasporto di rifiuti non pericolosi conferiti ad un impianto non autorizzato alla ricezione.

Nel caso di specie, si trattava di un trasporto di rifiuti speciali non pericolosi in difformita' da quanto prescritto dal dispositivo di iscrizione all'Albo Nazionale Gestori Ambientali Sezione Regione Lombardia, conferendo gli stessi presso lo stabilimento di una societa' non autorizzata alla gestione.  Era stato osservato, inoltre, che il produttore dei rifiuti aveva consegnato al trasportatore il formulario identificativo (F.I.R.) completo in ogni sua parte, ivi compresa quella concernente l'autorizzazione in capo al destinatario sulla quale aveva fatto incolpevolmente affidamento.

 La Cassazione, annullando senza rinvio per essere il reato estinto per prescrizione, ha affermato che  "In effetti e' evidente che non puo' legittimamente pretendersi dal trasportatore la verifica di dati riscontrabili attraverso attivita' di analisi, uso di particolari tecnologie o strumentazione tecnica, ma il riferimento alla normale diligenza richiesta in relazione alla natura dell'incarico rende altrettanto evidente che il trasportatore deve considerarsi comunque un soggetto tecnicamente competente in relazione alla tipologia di attivita' svolta, nella quale risulta professionalmente inserito e non puo', quindi, invocare la sua completa ignoranza circa la natura di quanto trasportato o disinteressarsi del tutto della natura effettiva del carico o della sua destinazione finale. La richiesta diligenza, inoltre, puo' ritenersi palesemente mancante allorquando taluni elementi sintomatici, quali, ad esempio, la quantita' dei rifiuti, il loro stato di conservazione o confezionamento per il trasporto, le modalita' di ricezione del carico, quelle di trasporto o la destinazione del rifiuto rendano evidente o, comunque, facilmente riscontrabile, la discrepanza tra documentazione e realta'".

"E' indubbio che la verifica dell'esistenza dell'autorizzazione in capo al titolare dell'Impianto ove il rifiuto trasportato e' destinato rientra tra quei dati verificabili dal trasportatore con la normale diligenza e l'inosservanza di tale elementare regola di condotta potra' essere riscontrata dal giudice del merito con adeguata valutazione degli elementi in fatto offerti al suo esame".


 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it