SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Giurisprudenza / AIA - Strumenti volontari

22-07-2013

Consiglio di Stato, durata AIA con registrazione Emas

Il Consiglio di Stato, con la sentenza n. 3890 del 17 luglio 2013, si è pronunciato sull'interpretazione dell'art. 29-octies, comma 2, del D.lgs. 152/2006 (Testo unico ambientale) in merito alla durata di 8 anni dell'AIA in caso di registrazione Emas.

Il citato comma recita testualmente: "Nel caso di un impianto che, all'atto del rilascio dell'autorizzazione di cui all'articolo 29-quater, risulti registrato ai sensi del regolamento (CE) n. 761/2001, il rinnovo di cui al comma 1 è effettuato ogni otto anni. Se la registrazione ai sensi del predetto regolamento è successiva all'autorizzazione di cui all'articolo 29-quater, il rinnovo di detta autorizzazione è effettuato ogni otto anni a partire dal primo successivo rinnovo".

Il CdS, riformando la sentenza del TAR, ha accolto la tesi del ricorrente nel senso che "l'autorizzazione integrata ambientale ha validità 8 anni se l'iscrizione EMAS viene conseguita immediatamente a valle del rilascio dell'autorizzazione e, comunque, prima dell'avvio dell'effettivo esercizio dell'impianto".  Secondo il ricorrente, questa è l'unica lettura volta a dare un contenuto concreto al primo periodo del citato art. 29-octies, comma 2, visto che lo stesso contempla l'ipotesi di autorizzazione in favore di impianto già registrato, mentre tale registrazione presuppone l'avvenuto rilascio del titolo autorizzatorio e l'effettivo esercizio dell'impianto, come attestato dall'organismo accreditato che ha nel caso di specie operato la verifica ambientale.

Il Cds, quindi, ha sostenuto che il primo rinnovo deve avvenire, una volta ottenuta l'iscrizione, alla scadenza del termine di 8 anni. Di conseguenza il secondo periodo del predetto comma 2, nella parte in cui impone che il rinnovo sia effettuato ogni 8 anni "a partire dal primo successivo rinnovo" deve essere infatti logicamente inteso nel senso che esso si riferisca al primo rinnovo scadente dopo l'iscrizione EMAS.


 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it