SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Giurisprudenza

18-06-2014

Corte Costituzionale, Autorizzazione impianti a biomassa in zona agricola

La Corte Costituzionale, con la sentenza n. 111 dell'11 giugno 2014, ha dichiarato illegittime le disposizioni della legge regionale della Puglia che vietavano la realizzazione in zona agricola di impianti alimentati da biomasse, salvo che provengano, nella misura minima del 40 per cento, da “filiera corta”.

La normativa nazionale in materia (art. 12, comma 7, del d.lgs. n. 387 del 2003) stabilisce che gli impianti energetici da fonti rinnovabili possono essere ubicati anche in zone agricole, pur dovendosi tener conto delle disposizioni in materia di sostegno del settore agricolo, con particolare riferimento alla valorizzazione delle tradizioni agroalimentari locali, alla tutela della biodiversità, nonché del patrimonio culturale e del paesaggio rurale.

La norma, ammettendo taluni limiti alla localizzazione in zona agricola, si preoccupa di preservare il «corretto inserimento degli impianti» nel paesaggio (art. 12, comma 10, del d.lgs. n. 387 del 2003), in modo da prevenire il danno che potrebbe venire inferto all’ambiente e all’agricoltura di pregio. Essa, al contrario, non assume a principio fondamentale della materia il perseguimento dell’interesse allo sviluppo della produzione agricola, trattandosi di profilo estraneo all’oggetto principale dell’intervento normativo.

Per la Corte, quindi, la norma regionale impugnata persegue un obiettivo che trascende i limiti tracciati dalla normativa statale di principio, in un ambito materiale ove è già stato ravvisata la prevalenza della materia “energia”. Si tratta, infatti, di conseguire lo scopo, originato dal diritto dell’Unione, di raggiungere una quota di energia da fonti rinnovabili, come indicato da ultimo dall’art. 3 del decreto legislativo 3 marzo 2011, n. 28 (Attuazione della direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell’uso dell’energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2011/77/CE e 2003/30/CE).

Pertanto, la Corte Costituzionale, in virtù dell’art. 117, Cost., ha dichiarato l’illegittimità costituzionale:

  • dell’art. 2, comma 4, della legge della Regione Puglia 21 ottobre 2008, n. 31 (Norme in materia di produzione di energia da fonti rinnovabili e per la riduzione di immissioni inquinanti e in materia ambientale), che prevede il divieto sopra esposto;
  • in via consequenziale, dell’art. 2, comma 5, (che regola l’applicazione del divieto recato dal comma 4 ai progetti presentati prima dell’entrata in vigore della legge).

 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it