SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Giurisprudenza / Rifiuti

16-11-2016

Cassazione penale, definizione di raccolta rifiuti

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 44900 del 25 ottobre 2016, si è soffermata sul concetto di raccolta rifiuti, ex art. 183, comma 1 lett. o) del D.lgs. 152/2006.

Secondo la definizione offerta dall'art. 183, comma 1, lett. o), per "raccolta" deve intendersi "il prelievo dei rifiuti, compresi la cernita preliminare e il deposito preliminare alla raccolta".

Pertanto, la Corte ha ribadito che coerentemente con tale definizione va riaffermato che la condotta di raccolta di rifiuti non pericolosi comprende "ogni comportamento univoco ed idoneo a culminare nell'accorpamento e nel trasporto dei rifiuti stessi".

 Nel caso di specie, l'imputato era stato trovato alla guida di un escavatore nell'atto di spingere, all'interno di un fosso demaniale, del materiale di risulta da costruzione edile misto a terra.


 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it