SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Giurisprudenza / Rifiuti

11-05-2017

Corte Costituzionale, miscelazione rifiuti Testo Unico Ambientale

La Corte Costituzionale, con la Sentenza n. 75 del 12 aprile 2017, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 49 della Legge 28 dicembre 2015, n. 221 (c.d. Collegato ambiente alla Legge di stabilità), che ha introdotto nel Testo Unico ambientale (D.lgs. 152/2006)  una deroga al regime autorizzatorio previsto per le operazioni di miscelazione dei rifiuti in violazione della normativa europea.

L’articolo 49 impugnato ha aggiunto il comma 3-bis nell’articolo 187 del D.lgs. 152/2006 inserendo la facoltà di effettuare le miscelazioni non vietate: in particolare il comma 3-bis statuisce che «[l]e miscelazioni non vietate in base al presente articolo non sono sottoposte ad autorizzazione e, anche se effettuate da enti o imprese autorizzati ai sensi degli articoli 208, 209 e 211, non possono essere sottoposte a prescrizioni o limitazioni diverse od ulteriori rispetto a quelle previste per legge».

La Regione Lombardia, che ha promosso il ricorso, ha affermato che la norma statale sottrarrebbe all’autorizzazione «e alle prescrizioni ad essa connesse» la miscelazione di rifiuti con uguali caratteristiche di pericolosità e quella fra rifiuti non pericolosi, che invece sarebbe assoggettata ad autorizzazione dalla direttiva 2008/98/CE relativa ai rifiuti. La Regione argomenta quindi la ripercussione della norma impugnata su proprie specifiche competenze legislative e amministrative di rango costituzionale.

Secondo la Corte, ritenendo fondate le ragioni della Regione, dalle Linee guida sull’interpretazione della direttiva n. 2008/98/CE risulta che «[l]a miscelazione dei rifiuti è una pratica comune nell’UE ed è riconosciuta come operazione di trattamento dagli Allegati I e II della Direttiva quadro sui rifiuti»

In base alla direttiva n. 2008/98/CE, dunque, esistono miscelazioni vietate (art. 18, paragrafo 1), ma autorizzabili in deroga (art. 18, paragrafo 2), e miscelazioni non vietate (non in deroga), ma comunque soggette ad autorizzazione in quanto rientranti tra le operazioni di trattamento dei rifiuti (art. 23).

Prima dell’entrata in vigore della disposizione impugnata, il diritto interno era conforme alla normativa europea (si vedano gli artt. 187 e 208 del d.lgs. n. 152 del 2006). L’art. 49 della legge n. 221 del 2015, invece, liberalizzando le miscelazioni non vietate dall’art. 187, comma 1, del d.lgs. n. 152 del 2006, cioè sottraendo ad autorizzazione la miscelazione di rifiuti pericolosi aventi le stesse caratteristiche di pericolosità (elencate nell’Allegato I alla Parte IV del codice dell’ambiente) e quella fra rifiuti non pericolosi, si pone in contrasto con l’art. 23, paragrafo 1, della direttiva.

Di conseguenza, la Corte Costituzionale ha dichiaratato l’illegittimità costituzionale dell’art. 49 della legge n. 221 del 2015, per violazione degli artt. 117, primo e terzo comma, e 118, primo comma, Cost.


 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it