SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni                  Seguici su: Bottone da cliccare per seguirci su Twitter Bottone da cliccare per seguirci su Linkedin Bottone da cliccare per iscriverti alla Newsletter

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Giurisprudenza / Rifiuti

01-09-2020

Cassazione Civile, la Tia2 ha natura privatistica ed è soggetta ad Iva

La Corte di Cassazione, con l'Ordinanza n. 18013/2020, si è pronunciata sulla Tia2 ribadendone la natura privatistica e non tributaria, con la conseguenza della sua assoggettabilità ad IVA.

Sulla questione proposta con il motivo all'esame si sono pronunciate le Sezioni unite con le recentissime sentenze nn. 8631 e 8632 con le quali, pronunciando su analoghi ricorsi della società ricorrente, è stato affermato il seguente principio: «La tariffa integrata ambientale (cd. TIA2) di cui all'art. 238 del d.lgs. n. 152 del 2006, come interpretata dall'art. 14, comma 33, del d.l. n. 78 del 2010, conv., con modif., dalla l. n. 122 del 2010, ha natura privatistica ed è, pertanto, soggetta ad IVA ai sensi degli artt. 1, 3, 4, commi 2 e 3, del D.P.R. n. 633 del 1972».

La Cassazione ritiene di condividere pienamente tale principio, che va ribadito in questa sede e alla cui affermazione le Sezioni unite sono pervenute dopo aver dettagliatamente esaminato la medesima questione proposta con il ricorso all'esame, che si inserisce nell'ambito di un nutrito contenzioso seriale sulla medesima problematica, alla luce della normativa di riferimento, della giurisprudenza di legittimità e di quella della Consulta.

Nel caso di specie, la Corte ha cassato la sentenza del Tribunale che ritenne che la disciplina propria della TIA2 ne rivelava la natura tributaria, che la TIA2 era un prelievo disciplinato secondo i medesimi parametri della TIA1, «cosicché la natura delle due tariffe» non poteva che essere omogenea e tributaria, e che alla TIA2 dovevano essere estesi i principi affermati dalle S.U. nella sentenza n. 5078/2016, che aveva negato l'applicabilità dell'IVA alla TIA1, ritenendo quest'ultima un tributo.


 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it