SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni                  Seguici su: Bottone da cliccare per seguirci su Twitter Bottone da cliccare per seguirci su Linkedin Bottone da cliccare per iscriverti alla Newsletter

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi online

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Giurisprudenza / Rifiuti

02-07-2020

Cassazione penale, miscelazione di rifiuti

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 15305 del 19 maggio 2020, ha ribadito la nozione di miscelazione di rifiuti, operazione vietata dall’art. 187 comma 1 del d.lgs. 152/2006.

La miscelazione di rifiuti, operazione vietata dall’art. 187 del d.lgs. n. 152 del 2006, consiste nella mescolanza, volontaria o involontaria, di due o più tipi di rifiuti aventi codici identificativi diversi, in modo da dare origine ad una miscela per la quale non è previsto uno specifico codice identificativo.

Nel caso di specie, la Corte ha confermato la responsabilità, ex art. 256 comma 5 del d.lgs. n. 152 del 2006, in quanto erano presenti rifiuti di tipologia diversa, con codici identificativi differenti, come imballaggi in plastica, in legno, pneumatici, metallo ferrosi e non, risultando dall'informativa di P.G. la presenza di materiale proveniente dalla frantumazione delle autovetture (plastica, gomma, imbottiture, tessuti, cavi elettrici), materiale "miscelato a rifiuti di altra natura, stoccato in quantitativi tali da raggiungere altezze paragonabili a un edificio di due piani".


 


Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it