SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni                  Seguici su: Bottone da cliccare per seguirci su Twitter Bottone da cliccare per seguirci su Linkedin Bottone da cliccare per iscriverti alla Newsletter

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi online

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Giurisprudenza / Rifiuti

10-03-2020

Sfalci e potature, condizioni per essere esclusi dalla disciplina dei rifiuti

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 9348 del 9 marzo 2020, si è pronunciata sulla qualificazione degli "sfalci e potature".

Gli "sfalci e potature" sono comunque dei rifiuti per i quali vale la deroga stabilita nell'art. 185 d.lgs. n. 152/2006, nei limiti in cui siano gestiti e riutilizzati a servizio dell'agricoltura, silvicoltura o produzione di energia non inquinante.

Difatti, "gli sfalci e potature" che non costituiscono rifiuto sono solo quelli derivanti da buone pratiche colturali o dalla manutenzione del verde pubblico, sempreché siano riutilizzati in agricoltura, silvicoltura o per la produzione di energia da biomassa, anche al di fuori del luogo di produzione o a mezzo cessione a terzi e sempre che siano seguite delle procedure che non danneggino l'ambiente o mettano in pericolo la salute umana.

Nella fattispecie, diversamente, "gli sfalci e potature" derivanti dalla raccolta del materiale arboreo non erano destinati agli usi consentiti, bensì si trovavano accumulati sul terreno da mesi senza misure protettive.


 


Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it