SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni                  Seguici su: Bottone da cliccare per seguirci su Twitter Bottone da cliccare per seguirci su Linkedin Bottone da cliccare per iscriverti alla Newsletter

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News  / Giurisprudenza / Rifiuti

30-07-2021

Cassazione penale, combustione di residui vegetali

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 26569 del 13 luglio 2021, si è pronunciata sulla fattispecie di reato di combustione di residui vegetali.

In tema di gestione dei rifiuti, integra il reato di smaltimento non autorizzato di rifiuti speciali non pericolosi, di cui all'art. 256, comma 1, lett. a), del d.lgs. n. 152 del 2006, la combustione di residui vegetali effettuata senza titolo abilitativo nel luogo di produzione oppure di materiale agricolo o forestale naturale, anche derivato da verde pubblico o privato, se commessa al di fuori delle condizioni previste dall'articolo 182, comma 6 bis, primo e secondo periodo; viceversa la combustione di rifiuti urbani vegetali, abbandonati o depositati in modo incontrollato, provenienti da aree verdi, quali giardini, parchi e aree cimiteriali, è punita esclusivamente in via amministrativa, ai sensi dell'art. 255 del citato d.lgs. n. 152 del 2006.

Nel caso di specie, si era in presenza di una combustione non autorizzata di residui vegetali (ramaglie di ulivi) nel loro luogo di produzione, per cui, non avendo l'imputato fornito la prova liberatoria di cui all'art. 182 comma 6 bis del d. Igs. n. 152 del 2006, ovvero che si sia trattato di un raggruppamento e abbruciamento in piccoli cumuli e in quantità giornaliere non superiori a tre metri steri per ettaro dei materiali vegetali, è stata esclusa la configurabilità di "una normale pratica agricola" e il fatto è stato sussunto nella fattispecie contravvenzionale disciplinata 256, comma 1, del d.lgs. n. 152 del 2006 (gestione di rifiuti non autorizzata).

Peraltro, la Corte ha annullato con rinvio la sentenza del Tribunale per non avere preso in considerazine l'applicazione della causa di non punibilità di cui all'art. 131 bis cod. pen..


 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it