SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Nazionali / Sostanze pericolose

11-12-2013

Pile contenenti cadmio, direttiva Ue dispone nuove restrizioni

Sulla GUUE L 329/5 del 10 dicembre 2013 è stata pubblicata la Direttiva 2013/56/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 20 novembre 2013 "che modifica la direttiva 2006/66/CE del Parlamento europeo e del Consiglio relativa a pile e accumulatori e ai rifiuti di pile e accumulatori per quanto riguarda l’immissione sul mercato di batterie portatili e di accumulatori contenenti cadmio destinati a essere utilizzati negli utensili elettrici senza fili e di pile a bottone con un basso tenore di mercurio, e che abroga la decisione 2009/603/CE della Commissione".

La direttiva, appunto, elimina delle deroghe previste per determinate pile contenenti cadmio e mercurio e, in particolare, dispone il divieto di immissione sul mercato:

  • dal 1° ottobre 2015 per pile a bottone con un tenore di mercurio non superiore al 2%. Da tale data, quindi, vigerà il divieto generale di circolazione nella Ue per pile o accumulatori, anche incorporati in apparecchi, contenenti più di 0,0005% di mercurio in peso;
  • dal 1° gennaio 2017 per le pile e accumulatori portatili destinati all’uso negli utensili elettrici senza fili. Da tale data, quindi, vigerà il divieto generale di circolazione nella Ue per pile o accumulatori portatili, compresi quelli incorporati in apparecchi, contenenti più dello 0,002% di cadmio in peso.

Ii produttori dovranno progettare apparecchi in modo tale che i rifiuti di pile e accumulatori siano facilmente rimovibili dall’utilizzatore finale o da professionisti qualificati indipendenti dai produttori, nonché essere corredati da istruzioni per la loro rimozione senza pericoli.

La direttiva, che prevede anche nuove regole sulla registrazione dei produttori di pile e batterie, deve essere recepita dagli Stati membri entro il 1° luglio 2015.


 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it