SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Nazionali / Energia

28-08-2013

Prestazioni energetiche degli edifici, convertito in legge il decreto

Sulla G.U. n. 181 del 3 agosto 2013 è stata pubblicata la Legge 3 agosto 2013, n. 90 di conversione del Decreto Legge 4 giugno 2013, n. 63, recante “disposizioni urgenti per il recepimento della Direttiva 2010/31/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 19 maggio 2010, sulla prestazione energetica nell'edilizia per la definizione delle procedure d'infrazione avviate dalla Commissione europea, nonché altre disposizioni in materia di coesione sociale”.

Il Decreto, che introduceva modifiche alla vigente disciplina del D.Lgs. 192/2005 in materia di rendimento energetico nell'edilizia, ha subito modifiche in sede di conversione, tra le quali:

  • non sono considerati "impianti termici" apparecchi quali: stufe, caminetti, apparecchi di riscaldamento localizzato ad energia radiante; tali apparecchi, se fissi, sono tuttavia assimilati agli impianti termici quando la somma delle potenze nominali del focolare degli apparecchi al servizio della singola unità immobiliare è maggiore o uguale a 5 kW, né sono considerati impianti termici i sistemi dedicati esclusivamente alla produzione di acqua calda sanitaria al servizio di singole unità immobiliari ad uso residenziale ed assimilate;
  • inserito l’obbligo di allegare l'Ape (Attestato di prestazione energetica) ai contratti di vendita, agli atti di trasferimento di immobili a titolo gratuito o ai nuovi contratti di locazione, pena la nullità degli stessi contratti;
  • dal 1° settembre 2013, gli impianti termici installati devono obbligatoriamente avere «lo sbocco sopra il tetto», ad eccezione che si tratti di sostituzione di impianti individuali già esistenti in «stabili plurifamiliari» (qualora non esistano già canne fumarie individuali idonee da sfruttare), oppure si tratti di stabili soggetti a interventi solo «conservativi» (case storiche o con vincoli di vario genere), sempre che non abbiano già canne fumarie idonee;
  • modificate le disposizioni sugli incentivi fiscali.

06-06-2013 Prestazione energetica in edilizia, recepita la direttiva 2010/31/Ue

 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it