SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Nazionali / Attività a rischio di incidenti rilevanti

16-12-2014

Seveso Ter, UE definisce formato e questionario sulle informazioni da trasmettere

Sulla GUUE L 355 del 12 dicembre 2014 sono state pubblicate le Decisioni 2014/895/UE e 2014/896/UE del 10 dicembre che definiscono rispettivamente il nuovo formato e il questionario riguardanti le informazioni da trasmettere, da parte degli Stati membri, per gli stabilimenti soggetti alla Seveso, in attuazione della direttiva 2012/18/UE sul controllo del pericolo di incidenti rilevanti connessi con sostanze pericolose.

In particolare, i provvedimenti sono:

  • Decisione 2014/895/UE, che definisce il formato per la trasmissione delle informazioni di cui all'articolo 21, paragrafo 3, della direttiva 2012/18/UE del Parlamento europeo e del Consiglio sul controllo del pericolo di incidenti rilevanti connessi con sostanze pericolose.  La decisione definisce, in allegato, il formato da utilizzare per la trasmissione all'UE delle informazioni di cui all'articolo 21, paragrafo 3, della direttiva 2012/18/UE, ossia le informazioni sugli stabilimenti che rientrano nell'ambito di applicazione della medesima direttiva.
  • Decisione 2014/896/UE, che definisce il formato per la trasmissione delle informazioni da parte degli Stati membri in merito all'attuazione della direttiva 2012/18/UE del Parlamento europeo e del Consiglio sul controllo del pericolo di incidenti rilevanti connessi con sostanze pericolose. La decisione definisce un questionario relativo alla trasmissione delle informazioni da parte degli Stati membri in attuazione della direttiva 2012/18/UE. L'articolo 21, paragrafo 2 della direttiva, dispone infatti che, per la prima volta, entro il 30 settembre 2019 e successivamente ogni quattro anni, gli Stati membri trasmettano alla Commissione una relazione sull'attuazione della direttiva.

 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it