SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Nazionali / Rifiuti

01-07-2014

Spedizione rifiuti, modificato il regolamento (CE) n. 1013/2006

Pubblicato sulla GUUE L 189/135 del 27.6.2014 il Regolamento (UE) n. 660/2014 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 15 maggio 2014 "recante modifica del regolamento (CE) n. 1013/2006 relativo alle spedizioni di rifiuti".

Il nuovo regolamento modifica il regolamento 1013/2006/Ce ed interviene in particolare sull’istituto delle ispezioni relative le spedizioni di rifiuti, già previsto dal Reg. (CE) n. 1013/2006, dove sono state tuttavia riscontrate divergenze e lacune nel modo in cui le autorità competenti dei vari Stati membri coinvolte nelle ispezioni garantiscono l’effettiva applicazione del regolamento e conducono le ispezioni.

Il regolamento prevede nuove regole sui controlli delle spedizioni di rifiuti: gli Stati membri saranno infatti tenuti a realizzare ispezioni di stabilimenti, imprese, intermediari e commercianti in conformità di quanto previsto in materia dalla Direttiva 2008/98/CE sui rifiuti, nonché a condurre ispezioni riguardanti le spedizioni di rifiuti ed il relativo recupero o smaltimento.

A tal fine le amministrazioni nazionali dovranno redigere, entro il 1 gennaio 2017 e relativamente a tutto il territorio geografico di propria competenza, appositi piani d’ispezione basati su una valutazione dei rischi inerente a flussi specifici di rifiuti e provenienze specifiche di spedizioni illegali, che tenga conto di dati investigativi, come quelli riguardanti indagini di polizia e di autorità doganali, ed analisi delle attività criminali.

Le ispezioni delle spedizioni possono aver luogo in particolare:

a) nel luogo di origine ed essere effettuati con il produttore, il detentore o il notificatore;
b) nel luogo di destinazione, compreso il recupero o lo smaltimento intermedio e non intermedio, ed essere effettuati con il destinatario o l’impianto;
c) alle frontiere dell’Unione; e/o
d) durante la spedizione nel territorio dell’Unione.

Le autorità coinvolte nelle ispezioni, per accertare che una sostanza o un oggetto trasportato non sia un rifiuto, potranno chiedere alla persona fisica o giuridica che detiene la sostanza o l’oggetto, o ne organizza il trasporto, di presentare delle prove documentali (ad es. riguardanti l’origine e la destinazione). Qualora tali prove non siano state presentate entro il termine specificato, oppure siano considerate insufficienti dalle autorità, la spedizione interessata verrà trattata alla stregua di una spedizione illegale.

Il Regolamento entra in vigore il 17 luglio 2014, ma si applicherà a partire dal 1 gennaio 2016.


 

 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it