SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Nazionali /Rifiuti

13-03-2014

TARI, nuove disposizioni sulla tariffa rifiuti nel decreto Enti locali

Il decreto legge 6 marzo 2014, n. 16, recante "Disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonché misure volte a garantire la funzionalità dei servizi svolti nelle istituzioni scolastiche", dispone anche in merito alla nuova tariffa rifiuti (TARI).

Oltre alle modalità di versamento previste all'art. 1, il decreto, con l'art. 2, comma 1, lettera e), sopprime l’ultimo periodo del comma 649 della Legge di Stabilità 2014  (legge 147/2013) risolvendo un contrasto tra due disposizioni approvate nella stessa Legge di Stabilità n. 147/2013 in tema di regime tariffario dei rifiuti speciali assimilati agli urbani che apparivano tra di loro contraddittorie, ossia il comma 649 seconda parte e il comma 669 dell'articolo 1 della Legge.

Il comma 649 indica: "Per i produttori di rifiuti speciali assimilati agli urbani, nella determinazione della TARI, il comune, con proprio regolamento, può prevedere riduzioni della parte variabile proporzionali alle quantità che i produttori stessi dimostrino di avere avviato al recupero".
Il comma 661 dispone che "II tributo non è dovuto in relazione alle quantità di rifiuti assimilati che il produttore dimostri di aver avviato al recupero".

Il decreto legge 16/2014 ha ora eliminato l'ultimo periodo del comma 649 dell'articolo 1 che prevedeva la TARI anche per i rifiuti speciali assimilati agli urbani, ma dava appunto al Comune la possibilità di ridurre la parte variabile della tariffa in proporzione alle quantità che i produttori stessi dimostrino di avere avviato al recupero, mentre rimane invece vigente il comma 661 dell'articolo 1, legge 147/2013 che stabilisce l'esenzione dalla TARI in relazione alle quantità di rifiuti assimilati che il produttore dimostri di aver avviato al recupero.

Da segnalare che il Dl sconfessa l'interpretazione contenuta nella circolare ministeriale del 13 febbraio 2014 che nel contrasto normativo, sulla base di un “principio di ragionevolezza", aveva dato “la precedenza” al disposto riportato al comma 649, seconda parte rispetto al comma 661.


06-05-2014 Decreto legge 16/2014, pubblicata in Gazzetta la legge di conversione

17-02-2014 Rifiuti assimilati agli urbani, chiarimenti Ministero ambiente sul regime tariffario comunale

 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it