SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Nazionali / Sostanze pericolose

23-06-2016

CLP, adeguamento regolamento (CE) 1272/2008 alla quinta edizione GHS

Sulla GUUE n. L156 del 14 giugno 2016 è stato pubblicato il Regolamento (UE) 2016/918 della Commissione del 19 maggio 2016 "recante modifica, ai fini dell'adeguamento al progresso tecnico e scientifico, del regolamento (CE) n. 1272/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alla classificazione, all'etichettatura e all'imballaggio delle sostanze e delle miscele".

Il regolamento 2016/918 modifica il Regolamento (CE) n. 1271/2008 (c.d. Regolamento CLP), al fine di adeguare le disposizioni tecniche e i criteri degli allegati alla quinta revisione del GHS (il Sistema mondiale armonizzato di classificazione ed etichettatura delle sostanze chimiche delle Nazioni Unite), di cui il sistema CLP tiene conto.

Come si legge infatti nei Considerando del Regolamento in commento, la quinta edizione riveduta del GHS reca modifiche riguardanti, tra l'altro, un nuovo metodo alternativo di classificazione dei solidi comburenti, una modifica delle disposizioni sulla classificazione per le classi di pericolo di corrosione/irritazione della pelle e di gravi lesioni/irritazioni oculari e gli aerosol. Modifica inoltre diversi consigli di prudenza e cambia l'ordine di alcuni di essi, sopprimendone la voce e inserendola separatamente in una nuova posizione.

Inoltre, in seguito alla quarta revisione del GHS, il Reg. (UE) n. 487/2013 della Commissione ha introdotto una deroga all’etichettatura per le sostanze o le miscele classificate come corrosive per i metalli, ma non classificate per la corrosione della pelle o per gravi lesioni oculari. E’ dunque opportuno, secondo la Commissione Europea, “evitare la ridondanza nell’etichettatura delle miscele contenenti isocianati e alcuni componenti epossidici, pur mantenendo le informazioni specifiche tradizionali e ben note sulla presenza di queste sostanze particolarmente sensibilizzanti. L’indicazione di pericolo EUH208 non dovrebbe dunque essere obbligatoria se una miscela è già etichettata in conformità alle indicazioni di pericolo EUH204 e EUH205”.

Il Regolamento (UE) 2016/918 entra in vigore il 4 luglio 2016, ma si applica a decorrere dal 1° febbraio 2018. Quindi, fino al 1° febbraio 2018 le sostanze e le miscele possono essere classificate, etichettate ed imballate in conformità al testo del Regolamento (CE) n. 1272/2008 attualmente in vigore.

Per le sostanze e le miscele classificate, etichettate ed imballate in conformità al testo del Regolamento (CE) n. 1272/2008 attualmente in vigore, e immesse sul mercato prima del 1° febbraio 2018, l'obbligo di rietichettatura e di reimballaggio in conformità al nuovo Regolamento non si applica fino al 1° febbraio 2020.


 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it