SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Nazionali / IPPC

03-06-2016

AIA statale, integrazione alla modulistica per istanze di modifica

Il Ministero dell’Ambiente ha pubblicato sul proprio sito la nota Prot. 0014119/DVA del 25 maggio 2016Conduzione di verifiche inerenti la rilevanza a fini VIA di interventi su installazioni soggette ad AIA statale per i quali è richiesto aggiornamento dell'autorizzazione all’esercizio” con allegato il decretoIntegrazione del formato della modulistica da compilare per la presentazione della domanda di autorizzazione integrata ambientale di competenza statale, con specifico riferimento alla presentazione delle istanze e delle comunicazioni inerenti modifiche ex articolo 29-nonies, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152”.

La norma integra i formati da utilizzare per presentare le comunicazioni ed istanze relative a modifiche di istallazioni soggette ad AIA statale, non già sottoposte a procedure di VIA, al fine di inserire “una sezione dedicata a mettere in evidenza le motivazioni per le quali il gestore ritiene non sussistere la possibilità di effetti negativi sull’ambiente determinati dalla realizzazione del progetto”.

Pertanto, il gestore di un impianto di cui all'Allegato XII alla Parte II del D.lgs. 152/2006 che intende apportare una modifica alla relativa installazione e non ha chiesto per tale modifica l'attivazione né di un procedimento di VIA, né di un procedimento di verifica di assoggettabilità alla VIA, deve presentare, a corredo della comunicazione ex art. 29-nonies comma 1 D.lgs. 152/2006, ovvero dell’istanza di cui al comma 2 del medesimo articolo, i seguenti elementi aggiuntivi:

a) una relazione descrittiva delle modifiche progettate, delle motivazioni e delle modalità esecutive;
b) una checklist, composta da 27 domande, che evidenzi la sussistenza o meno, anche potenziale, di effetti ambientali significativi e negativi connessi all’attuazione delle modifiche in progetto.


 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it