SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Nazionali / IPPC

04-07-2016

Emissioni industriali, approvato decreto su comunicazione dati a Ue

Pubblicato in G.U. il Decreto del Ministero dell'ambiente del 31 maggio 2016  recante "Adeguamento dei formati per la trasmissione alla Commissione europea di dati ed informazioni in conformità ai provvedimenti comunitari di attuazione dell'articolo 72 della direttiva 2010/75/UE", che le Autorità competenti devono comunicare per gli impianti soggetti ad Aia, nonché a quelli di incenerimento e che emettono Cov.

Il decreto disciplina la procedura di comunicazione prevista dagli articoli 29-terdecies, comma 1, e 275, comma 18-bis, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, individuando il tipo ed il formato delle informazioni da inviare, la frequenza dell'invio e gli altri aspetti rilevanti ai fini di tale comunicazione.

In particolare, le Autorità competenti devono inviare al Ministero dell'ambiente e all'Istituto Superiore per la protezione e la ricerca ambientale (ISPRA) le informazioni elencate nell'allegato I, ai fini della successiva comunicazione alla Commissione Ue in attuazione della direttiva 2010/75/Ue.

Le informazioni sono relative agli:

  •  impianti soggetti ad Aia inclusi nell'allegato VIII, parte II del D.lgs. 152/2006,
  •  impianti di incenerimento e coincenerimento non soggetti ad Aia,
  •  stabilimenti che emettono composti organici volatili (Cov), ex art. 275 D.lgs. 152/2006.

La comunicazione dei dati deve essere effettuata ogni tre anni entro il 30 aprile: per il 2017, le informazioni si riferiscono al periodo compreso tra il 7 gennaio 2013 e il 31 dicembre 2016. Se l'informazione si riferisce ad aspetti variabili nel corso del tempo va indicata la situazione esistente al 31 dicembre 2016. Il formato e le modalità per l'invio digitale sono pubblicate sul sito Internet del Ministero entro il 31 dicembre 2016.

Il decreto del Ministro dell'ambiente 15 marzo 2012 è abrogato.


 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it