SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni                  Seguici su: Bottone da cliccare per seguirci su Twitter Bottone da cliccare per seguirci su Linkedin Bottone da cliccare per iscriverti alla Newsletter

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Nazionali / Aria

01-12-2026

Impianti di biocarburanti, nuovi criteri fissazione valori limite di emissione

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 280 del 30-11-2016  è stato pubblicato il Decreto 7 novembre 2016 del Ministero dell'Ambiente recante "Criteri da applicare per la fissazione dei valori limite di emissione in atmosfera degli impianti degli stabilimenti a tecnologia avanzata nella produzione di biocarburanti".

I  valori limite di emissione, fissati ai fini della tutela della salute e dell'ambiente e che sono riportati nell'Allegato 1 del Decreto, riguardano i valori limite di riferimento per gli impianti di combustione alimentati a biomasse combustibili che vanno applicati dalle autorità competenti in sede di primo rilascio, riesame o rinnovo periodico delle autorizzazioni (ai sensi degli articoli 29-sexies e 29-septies o dell'art. 271, comma 5, del Codice Ambiente).

Inoltre, il decreto prevede che:

  • per i grandi impianti di combustione, ex art. 273 D.lgs. 152/2006, alimentati con biomasse di cui è ammesso l'uso come combustibili, resta fermo il riferimento all'allegato II alla Parte quinta del Codice Ambiente;
  • per gli impianti ubicati in stabilimenti soggetti ad AIA (autorizzazione integrata ambientale), l'autorità competente  può imporre le misure supplementari (previste all'art. 29-septies del Codice) anche alla luce degli strumenti di programmazione o di pianificazione ambientale previsti dalla normativa vigente.
    Nella scelta delle misure supplementari, l'Autorità può valutare come prima opzione le misure prescrivibili dalle autorizzazioni integrate ambientali per la prevenzione e la riduzione delle emissioni diffuse e fuggitive prodotte da trasporti, movimentazioni, stoccaggi e servizi, effettuati nello stabilimento.
    L'autorità può comunque imporre misure più rigorose di quelle ottenibili con le migliori tecnologie disponibili attraverso la fissazione di appositi valori limite di emissione.

 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it