SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Nazionali / Disposizioni trasversali

31-12-2018

Legge di Bilancio 2019 pubblicata in Gazzetta Ufficiale

Pubblicata sulla  Gazzetta ufficiale n. 302 del 31 dicembre 2018 - supplemento ordinario n. 62 - la Legge 30 dicembre 2018, n. 145 recante “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2019 e bilancio pluriennale per il triennio 2019-2021”, che dispone anche in materia ambientale.

La legge di bilancio, in vigore dal 1° gennaio 2019, è composta da 19 articoli e, in particolare, l'articolo 1 (composto da 1143 commi) dispone anche in materia ambientale e energia.

In particolare, si segnala:

AMBIENTE

Inquinamento acustico
(Articolo 1, comma 746)
Modificato l’articolo 6-ter del decreto legge 30 dicembre 2008 (convertito dalla L. 27 febbraio 2009, n. 13), recante disposizioni relative alla normale tollerabilità delle immissioni acustiche, e inserito il comma 1-bis.
In particolare, si stabilisce che ai fini dell’attuazione della disposizione relativa alla normale tollerabilità delle immissioni acustiche si applicano i criteri di accettabilità del livello di rumore di cui alla legge 26 ottobre 1995, n. 447, recante la legge quadro sull'inquinamento acustico, e alle relative norme di attuazione.

Gestione degli pneumatici fuori uso (PFU)
(Articolo 1, commi 751-752)
Al fine di garantire misure idonee a superare la situazione di criticità ambientale e sanitaria creatasi con riferimento agli pneumatici fuori uso presenti nel territorio nazionale, viene modificato l’articolo 228 del Testo Unico Ambientale (decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152) sul recupero dei pneumatici fuori uso.
In particolare, dal 1° gennaio 2019, ai fine dell'obbligo di gestione dei pfu, laddove si impone l’obbligo per i produttori e importatori di gestire quantitativi di pneumatici fuori uso pari a quelli immessi sul mercato, viene aggiunto che "un quantitativo di pneumatici pari in peso a cento equivale ad un quantitativo di pneumatici fuori uso pari in peso a novantacinque", in modo da incrementare la quota che deve essere gestita annualmente.
Inoltre, è stato introdotto l'obbligo per i produttori e gli importatori di pneumatici di utilizzare, nei due esercizi successivi, gli avanzi di gestione derivanti dal contributo ambientale per la gestione dei Pfu, anche qualora siano stati fatti oggetto di specifici accordi, ovvero per la riduzione del contributo ambientale.

Plastiche monouso
(Articolo 1, comma 802)

Sono dettate disposizioni (inserite nel nuovo articolo 226-quater del Codice dell’ambiente) finalizzate alla prevenzione della produzione di rifiuti derivanti da prodotti di plastica monouso e a favorirne la raccolta e il riciclaggio. A tal fine vengono invitati i produttori, su base volontaria e in via sperimentale dal 1° gennaio 2019 fino al 31 dicembre 2023, ad adottare una serie di iniziative (modelli di raccolta e riciclo, utilizzo di biopolimeri, elaborazione di standard qualitativi dei prodotti, sviluppo di tecnologie innovative, attività di informazione, ecc.).

Modalità di commisurazione Tari
(Articolo 1, comma 1093)
Viene prorogata al 2019 la modalità di misurazione della TARI da parte dei comuni sulla base di un criterio medio-ordinario (ovvero in base alle quantità e qualità medie ordinarie di rifiuti prodotti per unità di superficie in relazione agli usi e alla tipologia di attività svolte) e non sull’effettiva quantità di rifiuti prodotti.

ENERGIA
(Articolo 1, comma 67)

Sono previste proroghe di un anno sulla disciplina delle detrazioni per le spese relative ad interventi di efficienza energetica, ristrutturazione edilizia e misure antisismiche.

In particolare:

  • prorogato al 31 dicembre 2019 il termine previsto per avvalersi della detrazione d'imposta nella misura del 65% per le spese relative ad interventi di riqualificazione energetica degli edifici (c.d. ecobonus) e per l’acquisto e la posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti (articolo 1, comma 67).
  • estesa al 2019 la detrazione del 50% per le spese sostenute per l’acquisto e la posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, per altri interventi di ristrutturazione edilizia e per l'acquisto di mobili e di elettrodomestici di classe non inferiore ad A+ (A per i forni), per le apparecchiature per le quali sia prevista l'etichetta energetica finalizzati all'arredo dell'immobile oggetto di ristrutturazione.

Si segnalano, inoltre:

  • la proroga, limitatamente all’anno 2019, della detrazione del 36 per cento dall’IRPEF delle spese sostenute (nel limite massimo di 5.000 euro) per interventi di “sistemazione a verde” di aree scoperte di immobili privati a uso abitativo, pertinenze o recinzioni (articolo 1, comma 68).
  • la proroga al 31 dicembre 2019, previa presentazione al Comando provinciale dei Vigili del fuoco entro il 30 giugno 2019 della SCIA parziale, del termine per il completamento dell’adeguamento alle disposizioni di prevenzione incendi, per le strutture ricettive turistico-alberghiere localizzate nei territori colpiti dagli eccezionali eventi meteorologici che si sono verificati a partire dal 2 ottobre 2018, così come individuati dalla delibera dello stato di emergenza del Consiglio dei ministri 8 novembre 2018. Sono, quindi, interessate dalla proroga le strutture ricadenti nei territori delle Regioni Calabria, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Toscana, Sardegna, Sicilia, Veneto e delle Province autonome di Trento e Bolzano (articolo 1, comma 1141).

 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it