SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Nazionali / Sostanze pericolose

17-03-2014

AEE, in Gazzetta il decreto sulle restrizioni nell'uso di sostanze pericolose

Sulla Gazzetta ufficiale n. 62 del 15-3-2014 è stato pubblicato il Decreto Legislativo 4 marzo 2014, n. 27, recante "Attuazione della direttiva 2011/65/UE sulla restrizione dell'uso di determinate sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche".

Il provvedimento, come recita l'art. 1, detta la disciplina  riguardante la restrizione dell'uso di sostanze pericolose nelle  apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE) al fine di contribuire  alla  tutela della salute  umana  e  dell'ambiente,  compresi  il  recupero  e  lo smaltimento ecologicamente corretti dei rifiuti di AEE.

Il decreto, in vigore dal 30 marzo 2014, si applica alle apparecchiature (come definite all'art. 3) riportate nell'allegato I, mentre sono esclusi tra l'altro i pannelli fotovoltaici destinati a essere utilizzati in un sistema concepito montato e installato da professionisti qualificati.

L'art. 4 prevede che, salvo alcuni casi particolari, le AEE immesse sul mercato, compresi i cavi e i pezzi di ricambio destinati alla loro riparazione, al loro riutilizzo, all'aggiornamento delle loro funzionalità o al potenziamento della loro capacità, non devono contenere le sostanze di cui all'allegato II, che riporta l'elenco delle sostanze con restrizioni d'uso e valori delle concentrazioni massime tollerate per peso nei materiali omogenei, un elenco che può essere riesaminato dalla Commissione UE su richiesta del Ministero dell'Ambiente di concerto con Ministero della Salute e Ministero dello Sviluppo economico.

Sono previsti obblighi a carico degli operatori economici, ossia del fabbricante, importatore e distributore, con relative sanzioni amministrative pecuniarie in caso di violazione degli stessi comminate dalla CCIAA.

Tra questi, l'obbligo della marcatura CE da apporre prima dell'immissione sul mercato sull'AEE finita o sulla targhetta segnaletica in modo visibile, leggibile e indelebile, ovvero se impossibile sull'imballaggio e sui documenti di accompagnamento.

Il Decreto abroga l'allegato V del decreto legislativo 25 luglio 2005, n. 151 (che dettava le restrizioni all'uso di particolari sostanze nelle AEE) sostituendolo con l'allegato III.


05-10-2015 AEE, modificati allegati al D.lgs. 27/2014 in attuazione delle direttive UE del 2015

 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it