SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



News / Nazionali / Rifiuti - IPPC

02-09-2015

Aia e gestione rifiuti, pubblicata la legge di conversione del D.L. Enti territoriali

La Legge 6 agosto 2015, n. 125 (Gazzetta Ufficiale n. 188 del 14 agosto 2015 -  S.O. n. 49), di conversione del D.L. 19 giugno 2015, n. 78 (c.d. D.L. Enti territoriali) dispone anche in materia di Aia e di rifiuti riproponendo le disposizioni  che erano contenute negli artt. 1 e 2, del D.L. 92/2015 (c.d. salva aziende).

La legge, in vigore il 15 agosto 2015, dispone che gli artt. 1 e 2 del D.L. 4 luglio 2015, n. 92 (c.d. D.L. Salva aziende), che originariamente contenevano importanti modifiche normative in tema di rifiuti e AIA, sono abrogati. Restano peraltro validi gli atti e i provvedimenti adottati e sono fatti salvi gli effetti prodottisi e i rapporti giuridici sorti sulla base dei medesimi articoli.

La L. 125/2015 in commento, nell'art. 11 commi 16-bis e 16-ter, ripropone le suddette modifiche (in tema di rifiuti e di AIA) senza modifiche: pertanto le novellate definizioni di “produttore di rifiuti”, “raccolta” e “deposito temporaneo” di rifiuti di cui all’art. 183, comma 1, D.lgs. 152/2006, così come le modifiche all’art. 29, comma 3, D.lgs. 46/2014 in tema di tempistiche autorizzative AIA, rimangono immutate.

Inoltre, si segnala che la legge di conversione ha introdotto una norma in materia di caratteristiche di pericolo dei rifiuti, con specifico riferimento alla caratteristica dell’ecotossicità (HP 14). Si legge infatti che “Allo scopo di favorire la corretta gestione dei Centri di raccolta comunale per il conferimento dei rifiuti presso gli impianti di destino, nonché per l’idonea classificazione dei rifiuti, nelle more dell’adozione, da parte della Commissione europea, di specifici criteri per l’attribuzione ai rifiuti della caratteristica di pericolo HP 14 “ecotossico”, tale caratteristica viene attribuita secondo le modalità dell’Accordo europeo relativo al trasporto internazionale delle merci pericolose su strada (ADR) per la classe 9 – M6 e M7”.


06-07-2015 Aia e gestione rifiuti, pubblicato decreto legge salva aziende

04-09-2015 Comunicato mancata conversione Decreto Legge salva aziende

 

Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it